Borse Europa: indici in netto calo con bancari e retailer

venerdì 27 giugno 2008 10:05
 

LONDRA (Reuters) - Dopo l'incertezza delle prime battute le borse europee prendono con più decisione la via del ribasso, in un mercato che vede da una parte intensificarsi le vendite sui bancari e dall'altra è appesantito dai titoli della grande distribuzione sulla scia della francese Carrefour.

Non bastano a sostenere i listini i rialzi dei petroliferi sulla scorta della fiammata del greggio.

Intorno alle 9,50 sui singoli mercatio il Ftse 100 londinese scende dello 0,72%, il Cac francese cede l'1,65% e il Dax tedesco l'1,58%.

Il benchmark FTSEurofirst 300, con un calo dell'1,5%, è sui livelli intraday più bassi da ottobre 2005.

Tra i titoli in evidenza:

* CARREFOUR lascia sul terreno oltre il 7% dopo che ieri sera il gruppo ha rivisto al ribasso gli obiettivi di utile operativo 2008. Le preoccupazioni degli investitori per l'impatto del rallentamento economico e dell'alto costo del denaro sulla spesa per consumi colpiscono anche altri retailer, con TESCO in calo del 2,5%, AHOLD del 2,6% e SAINSBURY del 3,2%.

* Tra i bancari DEUTSCHE BANK fa peggio del comparto con un ribasso del 3,8% sulla scia di un report di Citigroup che ipotizza crescenti pressioni sulla banca per un aumento di capitale. Vendute anche UNICREDIT, -3,3%, BNP PARIBAS, -3,8%, e UBS, -5,2%.

* FORTIS mette a segno un progresso dell'1,7% dopo l'annuncio che la banca ha completato l'aumento di capitale da 1,5 miliardi di euro.

* Il gruppo farmaceutico belga UCB balza del 3,3% dopo l'annuncio che la società punta a lanciare il suo nuovo farmaco per l'epilessia Vimpat in autunno dopo il via libera arrivato questa settimana dalla European Medicines Agency.

 
<p>Trader al lavoro. REUTERS/Alex Grimm</p>