Borse Europa: indici positivi, forti tech con Ericsson

venerdì 25 aprile 2008 10:19
 

                              indici                chiusura
                             alle 10,00      var%       2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50   3.791,34     +0,78    4.395,61
  FTSEurofirst300       1.327,61    +0,9     1.506,61
  DJ Stoxx banche         365,11     +1,67      424,26
  DJ Stoxx oil&gas        410,62     +0,72      442,02
  DJ stoxx tech           244,54     +3,98      304,27
---------------------------------------------------------------
 PARIGI (Reuters) - Le borse europee si muovono al
rialzo traendo forza da titoli come Ericsson che
balza di oltre il 20% con risultati migliori delle attese.
 Una solida trimestrale aiuta anche la casa automobilistica.
 Poco prima delle 10, l'indice britanico FTSE 100
avanza dello 0,12%, si comportano meglio il tedesco Dax, in
aumento dello 0,59%, e il francese CAC 40
che guadagna lo 0,58%.
 "La stagione delle trimestrali è al centro dell'attenzione e
nel complesso il tono è positivo", commenta Achim Matzke,
analista azionario di Commerbank a Francoforte.
 "Da inizio aprile assistiamo a un movimento di recupero dopo
la fase al ribasso del primo trimestre e il miglioramento
dovrebbe proseguire", aggiunge l'analista.
 Tra i titoli in evidenza:
 * ERICSSON balza di oltre il 20% dopo aver
chiuso il primo trimestre con un utile operativo di 4,3 miliardi
di corone svedesi, in calo rispetto a un anno prima ma sopra le
attese degli analisti che indicavano 3,7 miliardi.
 * I risultati aiutano anche VOLVO, con utili
lordi nei primi tre mesi al di sopra delle aspettative grazie a
una solida domanda in Europa.
 * Progresso vicino al 10% per AXON GROUP sull'attesa
di fatturato e utili operativi in miglioramento nel primo
semestre.
 * In controtendenza WPP, in flessione di oltre il
5%. La seconda società pubblicitaria al mondo ha riportato nel
trimestre ricavi, a parità di perimetro, in aumento, ma nella
parte bassa del range di aspettative degli analisti.