BORSE EUROPA - Indici limano guadagni in scia a Wall Street

venerdì 25 aprile 2008 16:24
 

                              indici                chiusura
                             alle 16,18    var%         2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.798,05     +0,96    4.395,61
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.330,52     +1,12     1.506,61
  DJ Stoxx banche          366,21     +1,94      424,26
  DJ Stoxx oil&gas         410,71     +0,74      442,02
  DJ stoxx tech            244,40     +3,9      304,27
---------------------------------------------------------------
 PARIGI, 25 aprile (Reuters) - Gli indici azionari europei
riducono i guadagni sulla scia di Wall Street, girata in
negativo dopo un'apertura col segno più dopo dati macro non
brillanti. A sostenere l'azionario il rally della società
svedese dei telefonini Ericsson (ERICb.ST: Quotazione).
 A meno di un'ora dall'avvio americano, il Ftseurofirst 300,
paniere dei principali titoli del Vecchio continente, guadagna
l'1,24%. Tra gli indici di riferimento dei vari Paesi, il
britannico FTSE 100 .FTSE sale dello 0,27%, il tedesco Dax
.GDAXI avanza dell'1,48% e il francese CAC 40 .FCHI
dell'1,29%. Bene anche la borsa di Zurigo .SSMI, in salita
dell'1,09%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Sotto i riflettori i tecnologici , trascinati da
ERICSSON (ERICb.ST: Quotazione), che frena però la corsa della mattinata
dopo l'uscita della trimestrale, segnando un aumento del 17,93%.
 * All'interno del comparto si distinguono anche la
transalpina ALCATEL-LUCENT ALUA.PA, che guadagna il 6,16%, e
la finlandese NOKIA NOK1V.HE, che cresce del 2,04%.
 * Bene anche i telefonici  grazie a TELIASONERA
TLSN.ST, il più grande operatore telefonico del Nord Europa,
che sale del 6,71% dopo aver riportato profitti in crescita nel
primo trimestre. Oggi FRANCE TELECOM FTE.PA ha smentito di
aver avviato colloqui con il gruppo nordico finalizzati al
lancio di un'Opa, come rilanciato da un organo di stampa.
 * Tonici i bancari  che salgono dell'1,76% sulle
attese che la crisi del credito stia dando definitivamente
tregua al settore. I due istituti elvetici UBS UBSN.VX e
CREDIT SUISSE CSGN.VX sono in progresso rispettivamente del
3,47% e del 3,74%.
 * Sul fronte dei ribassi si segnalano le società minerarie.
In rosso ANGLO-AMERICAN (AAL.L: Quotazione) che perde il 2,05%, mentre BHP
BILLITON (BLT.L: Quotazione) e XSTRATA XTA.L limitano le perdite a -0,54%.