BORSE EUROPA - Indici in calo con energia, auto, minerari

giovedì 2 luglio 2009 10:17
 

                                indici             chiusura
                             alle 10,05     var%       2008
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.419,86    -1,22    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3        854,75    -1,26      831,97
DJ Stoxx banche          179,44    -1,05      149,51
DJ Stoxx oil&gas         286,76    -1,26      264,50
DJ Stoxx tech            171,54    -1,59      152,86
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 2 luglio (Reuters) - Avvio in ribasso sulle piazze
europee,estremamente caute in attesa dei dati mensili
sull'occupazione del settore non-agricolo Usa - anticipati a
oggi in vista del lungo weekend dell'Independence Day - e della
riunione della Bce sulla politica monetaria.
 Per la maggior parte degli economisti la Banca Centrale
Europea dovrebbe confermare i tassi all'1% , ma le attenzioni
saranno rivolte alla conferenza stampa del presidente Trichet.
 Tra i settori già deboli in questa fase di seduta le
commodities sulla scia di prezzi del petrolio e dei metalli in
discesa. Ribassi dunque per titoli come BG Group BG.L, BP
(BP.L: Quotazione), Royal Dutch Shell (RDSa.L: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione). Più
colpiti i minerari con Rio Tinto (RIO.L: Quotazione) in ribasso del 2% circa
dopo l'aumento di capitale da 15,2 miliardi di dollari.
 In calo anche il settore auto, declassato da Credit Suisse a
"market weight" da "overweight".
Poco dopo le 10,00 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU3 perde
l'1,26%. Sui singoli listini il Ftse 100 .FTSE perde l'1%, il
Cac-40 .FCHI l'1,3% e il Dax .GDAXI l'1,6%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * STANDARD CHARTERED (STAN.L: Quotazione) avanza dello 0,5% mentre
 ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) perde l'1% dopo che una fonte a
conoscenza diretta della vicenda ha riferito di colloqui per
l'acquisto di asset in Cina e India posseduta da Rbs.
 * CREDIT AGRICOLE (CAGR.PA: Quotazione) sale del 2,6% dopo la promozione
di Credit Suisse a "outperform" da "neutral". Il broker svizzero
ha inoltre alzato i target price di BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione) a 53
da 52 euro, e di SOCIETE GENERALE (SOGN.PA: Quotazione) a 42 da 39 euro, ma
i due titoli sono in ribasso rispettivamente dell'1% e del 2%.
  * La chimica svizzera CLARIANT CLN.VX perde il 5,6% dopo
il lancio di un bond convertibile.