Borse Europa, indici pesanti con aerei, auto e finanziari

giovedì 22 maggio 2008 10:14
 

 MILANO (Reuters) - Le borse europee ritracciano
per la terza seduta consecutiva in linea con Stati Uniti e Asia,
dove a farla da padrone sono state le preoccupazioni per
l'inflazione americana e il taglio delle previsioni di crescita
2008 da parte della Fed.
 "Gli attuali corsi del petrolio e le parole della Banca
centrale Usa, che in pratica ha ammesso che non taglierà i tassi
per un po', non sono buone notizie per le borse", dice Franz
Wenzel, strategist a Parigi.
 Intorno alle 10,00 il FTSEurofirst 300, paniere dei
principali titoli del Vecchio continente, cede lo 0,43%. Sui
singoli mercati europei il FTSE 100 britannico perde lo
0,03%, il CAC 40 francese cede lo 0,71% e il DAX tedesco lo 0,73%.
 Tra i titoli in evidenza:
 * Vendite diffuse sulle compagnie aeree a seguito dei
pesanti cali registrati dalle omologhe americane nella notte.
AIR FRANCE scivola del 9% dopo un downgrade di
Cheuvreux nel giorno di annuncio dei risultati 2007, LUFTHANSA del 3,41% dopo
che ieri sera l'Ad ha ammesso interesse
per Austrian Airlines e BRITISH AIRWAYS del 2,89%. Il
settore cede il 2,64%.
 * Negativi i finanziari con le banche in calo
dell'1,3% e gli assicurativi del 2,12%. La svizzera UBS arretra dell'1,9% a
seguito dell'annuncio di un
aumento di capitale scontato di oltre un terzo rispetto al
prezzo di mercato e inferiore alle attese degli analisti.
 * Ben impostato, invece, CABLE & WIRELESS. Il gruppo
telefonico britannico guadagna quasi il 2% in coda a una
trimestrale superiore alle previsioni e dopo aver detto di
considerare anche la scissione per aumentare il valore per gli
azionisti.
 * Pesante il settore auto, penalizzato dalla nuova fiammata
del petrolio. VOLKSWAGEN perde il 3,30% e PORSCHE il 2,11%.
 * Miglior settore del DJ Stoxx è quello petrolifero,
in rialzo dello 0,8% circa grazie ai nuovi massimi del greggio.
BP e ROYAL DUTCH SHELL guadagnano
rispettivamente lo 0,88% e l'1,13%.