BORSE EUROPA - Indici deboli, male bancari e petroliferi

venerdì 18 gennaio 2008 10:16
 

                                indici               chiusura
                             alle 10,00    var %       2006
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    4.046,81     -0,47    4.119,94
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.367,37     -0,51    1.483,47
DJ Stoxx banche          374,09     -1,43      510,33
DJ Stoxx oil&gas         395,93     -0,41      411,61
DJ stoxx tech            271,00     -0,05      307,69
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 18 gennaio (Reuters) - Le borse europee si muovono
debolmente, proseguendo la scia di sedute negative del 2008, con
i timori di recessione negli Usa che penalizzano i titoli
bancari e quelli petroliferi, anche se voci di acquisizioni
sostengono i minerari.
 Poco prima delle 10 l'indice Ftse 100 .FTSE cede lo 0,31%,
il Cac 40 .FCHI perde lo 0,31% mentre il tedesco Dax .GDAXI
è in calo dello 0,43%.
 I mercati europei sono negativi nonostante il recupero di
alcune piazze asiatiche, tra cui Tokyo, grazie all'attesa di un
pacchetto di misure a sostegno dell'economia Usa.
 BP (BP.L: Quotazione) e Royal Dutch Shell (RDSa.L: Quotazione) perdono meno di un
punto percentuale a causa di un petrolio intorno a 90 dollari al
barile. La lettera colpisce anche i bancari Royal Bank of
Scotland (RBS.L: Quotazione), Barclays (BARC.L: Quotazione), Santander (SAN.MC: Quotazione) e Ing
ING.AS con ribassi intorno a 1-2%.
 WestLB ha tagliato il target price di Nokia NOK1.VE a 24,2
da 26,2 euro confermando la raccomandazione "hold". Il titolo
cede un punto percentuale. Merrill Lynch ha rivisto al ribasso
il prezzo obiettivo di Infineon (IFXGn.DE: Quotazione) a 8,8 da 10,10 euro
tenendo il giudizio "buy". Il titolo perde lo 0,6%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 *Nota positiva dal minerario Rio Tinto (RIO.L: Quotazione), in rialzo
del 2%, su voci di una possibile offerta migliorativa da parte
di  BHP Billiton (BLT.L: Quotazione). Entrambe le società non hanno
commentato.
 *Cede il 7% circa il produttore di birra danese Carlsberg
(CARLb.CO: Quotazione). Il mercato teme un pagamento eccessivo per l'offerta
congiunta insieme ad Heineken (HEIN.AS: Quotazione) da 800 pence per azione
per la britannica Scottish&Newscastle SCTN.L.
 *Rimbalzo del 17% per SCi Entertainment SEG.L, dal minimo
cinque anni della vigilia, dopo che il produttore di giochi
informatici ha promosso Phil Rogers da responsabile finanza ad
AD, dopo l'uscita dal gruppo del precedente AD e di altri due
senior manager.