BORSE EUROPA - Peggiorano dopo avvio Wall Street, auto a picco

martedì 15 gennaio 2008 16:13
 

                                indici               chiusura
                             alle 16,00    var %       2006
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    4.184,30     -1,24    4.119,94
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.408,13     -1,68    1.483,47
DJ Stoxx banche          390,48     -2,45      510,33
DJ Stoxx oil&gas         414,53     -1,73      411,61
DJ stoxx tech            274,04     -2,93      307,69
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 15 gennaio (Reuters) - Le borse europee peggiorano
dopo l'apertura in ribasso di Wall Street, con gli indici Usa
affossati dalla trimestrale di Citigroup (C.N: Quotazione) e dal calo
inatteso delle vendite al dettaglio in dicembre.
 L'indice paneuropeo FTSEurofirst 300 .FTEU3 cede oltre
l'1,5% circa, sui minimi dall'ottobre 2006.
 I timori, che trovano riscontro degli indicatori macro e nei
risultati aziendali, di scivolamento in recessione degli Stati
Uniti portano a vendite soprattutto nei settori ciclici.
 Lo stoxx europeo delle auto , per esempio, perde
oltre tre punti percentuali, penalizzato anche dalle previsioni
sulla crescita del mercato quest'anno formulate dagli economisti
di Ford (F.N: Quotazione) e General Motors (GM.N: Quotazione). Fra gli altri titoli,
Renault (RENA.PA: Quotazione) e Peugeot (PEUP.PA: Quotazione) crollano del 5% circa.
 Malissimo, dopo la trimestrale di Citigroup, il comparto
bancario , con Commerzbank (CBKG.DE: Quotazione) che lascia sul
terreno quasi l'8% dopo che Hypo Real Estate HRXG.DE, in
flessione del 30%, ha tagliato il dividendo del 75% a causa di
perdite su investimenti negli Usa per 390 milioni di euro.
 Segno meno anche per gli altri settori ciclici, dal retail
al food&beverage, dalle costruzioni alle società finanziarie.
 In controtendenza telecom e utilities, che si confermano
comparti difensivi.
 Fra i titoli in evidenza, la catena britannica della grande
distribuzione Tesco (TSCO.L: Quotazione) scende di oltre il 3% dopo aver
annunciato vendite inferiori alle attese.