BORSE EUROPA - Indici estendono cali, pesano banche, estrazioni

lunedì 1 dicembre 2008 10:02
 

                                indici               chiusura
                               alle 9,50    var%      2007
--------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E    2.390,22    -1,64    4.395,61
FTSEurofirst300 .FTEU3        849,62     -1,42    1.506,61
DJ Stoxx banche          165,55     -2,08      424,26
DJ Stoxx oil&gas         287,20     -2,03      442,02
DJ Stoxx tech            155,10     -1,44      304,27
--------------------------------------------------------------
 LONDRA, 28 novembre (Reuters) - Dopo una partenza al confine
tra segno più e segno meno le borse europee estendono i cali,
trainate al ribasso da banche e titoli delle estrazioni
minerarie. 
 L'indice Ftseurofirst 300 .FTEU3, che la scorsa settimana
era rimbalzato del 13,3% (ma perde più del 42% dall'inizio
dell'anno), alle 9,50 cede l'1,4%.
 Deboli i bancari come BNP Paribas (BNPP.PA: Quotazione), Barclays
(BARC.L: Quotazione) e UBS UBSN.BX, che lasciano sul campo tra il 3 e il
5% - con lo Stoxx europeo dei finanziari a -2,5%.
 Tra le singole piazze l'inglese Ftse 100 .FTSE perde
l'1,5%, come il Cac-40 .FCHI, leggermente di più il Dax
.GDAXI (-2%).
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Pesanti i tecnologici e in particolare WAVECOM WAVC.PA,
che perde oltre il 7%: Gemalto GTO.PA ha dichiarato di voler
rinunciare all'Opa sulla concorrente, se alcuni termini
dell'offerta non verranno accettati dall'assemblea dei soci
Wavecom fissata per l'8 dicembre.
 * Cede INFINEON (IFXGn.DE: Quotazione), che nel preborsa era indicata in
netto rialzo. La sua controllata Qimonda QI.N ha annunciato
che "stanno proseguendo" le trattative per potenziali
partnership con investitori strategici e finanziari. Il titolo
perde l'1% circa, in linea con i cali dello Stoxx europeo dei
tech SX8P.
 * Fiacchi i titoli delle estrazioni minerarie e gli
energetici, con il prezzo del petrolio CLc1 che perde 2
dollari a quota 52,48. Lo Stoxx degli oil&gas SXEP cede il
2,3%, quello dei titoli legati alle materie prime  il
4,6%.