Borse europee in calo, male banche con Rbs, giù auto e minerari

mercoledì 11 giugno 2008 16:17
 

                             indici                chiusura
                            alle 16,15     var%       2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.978,52     -1,53    3.711,03
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.251,27     -1,57    1.314,42
  DJ Stoxx banche          303,95     -2,70      337,67
  DJ Stoxx oil&gas         424,65     +0,27      435,73
  DJ stoxx tech            233,13     -1,51      249,25
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 11 giugno (Reuters) - Le borse europee accentuano la
tendenza negativa dopo l'avvio stentato di Wall Street.
 I bancari, la cui partenza brillante aveva sostenuto gli
azionari del Vecchio continente nella prima parte della seduta,
hanno invertito definitivamente la rotta e ora lo stoxx di
settore  arretra di quasi tre punti percentuali.
 Male, nel complesso, i comparti ciclici, conseguenza del
diffondersi della sensazione che le tensioni inflazionistiche,
unite al credit crunch, si vadano traducendo in una frenata
dell'economia globale.
 Attorno alle 16,15, l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU segna
un calo dell'1,4%.
 Fra i vari mercati europei, il britannico Ftse 100 .FTSE
scende dell'1,5%, il Dax tedesco .GDAXI dell'1,13% e il Cac-40
francese .FCHI dell'1,7%. A Milano S&P/Mib .SPMIB A -1,8%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * ROYAL BANK OF SCOTLAND (RBS.L: Quotazione) cade di quasi il 6% dopo
aver fornito un outlook cauto a causa dell'impatto della stretta
creditizia. L'istituto britannico aveva iniziato la seduta in
rialzo grazie alla conferma della guidance sui risultati, ma,
sucessivamente, hanno prevalso gli aspetti negativi.
 * In lettera banche e assicurazioni britanniche, colpite da
una serie di downgrade da parte di Ubs. Fra gli altri, LLOYDS
(LLOY.L: Quotazione) cala del 5,5%: Ubs ne ha tagliato il target price a 335
da 380 pence, confermando il rating "sell".
 * Lo stoxx del settore auto  lascia sul terreno circa
tre punti percentuali, colpito dallo sciopero dei camionisti
spagnoli contro il caro-carburante che sta paralizzando
l'industria automobilistica. Fra gli altri, MICHELIN (MICP.PA: Quotazione) e
FIAT FIA.MI scendono di oltre il 4%.
 * VEOLIA ENVIRONNEMENT (VIE.PA: Quotazione) cede quasi il 5% dopo che
Goldman Sachs ne ha abbassato il rating a "neutral" da "buy"
 * Il comparto delle costruzioni  cala dell'1,7% circa
e quello delle società minerarie  del 2,6%, con ANGLO
AMERICAN (AAL.L: Quotazione) e ANTOFAGASTA (ANTO.L: Quotazione) che cadono,
rispettivamente, di oltre il 4% e di oltre il 5% dopo che il
maggiore sindacato minerario del Sud Africa ha annunciato uno
sciopero nazionale per il 30 luglio, che sarà il culmine di una
serie di proteste a livello locale che partiranno all'inizio del
mese prossimo.
 * In controtendenza gli energetici: lo stoxx di settore
 avanza di quasi un punto percentuale. A trascinare il
comparto è soprattutto BRITISH PETROLEUM (BP.L: Quotazione), che guadagna
circa due punti percentuali dopo che, secondo quanto riferito da
fonti vicine al gruppo, ha rotto le trattative con il partner
russo Tnk rispetto al futuro della joint venture Tnk-Bp
TNBPI.RTS.