BORSE EUROPA - Indici estendono perdite su banche e borsa Usa

venerdì 11 luglio 2008 16:34
 

LONDRA (Reuters) - Le borse Europa appesantiscono le perdite dopo essere scivolate in territorio negativo a metà seduta, trascinate anche dall'apertura negativa di Wall Street.

A zavorrare gli indici europei è il settore bancario che è tornato negativo e ha oscurando la performance dei titoli legati alle materie prime e i risultati rassicuranti di General Electric

Tra i titoli bancari maglia nera alla danese Roskilde che perde oltre il 47% dopo che ha detto di aver chiesto ed ottenuto una linea di credito dalla banca centrale. Negativa anche la francese Credit Agricole: perde oltre l'8% dopo un report sul quotidiano Le Monde secondo cui il presidente e il Ceo potrebbero dimettersi il prossimo 15 luglio.

In controtendenza i titoli energetici che spingono l'indice di settore in positivo di oltre l'1%, aiutati anche dall'aumento del prezzo del greggio: Total, BP e Royal Dutch Shell portano tutte a casa più del 1,5%.

Tra i titoli in evidenza

* VODAFONE in calo di quasi il 2% dopo la notizia che, se la compagnia dovesse perdere una causa legale in India, il conto fiscale nel paese asiatico potrebbe raddoppiare a quota 4 milioni di dollari.

* Ancora positiva BANCO POPOLARE a +0,57, che prima però guadagnava oltre il 2%, dopo le notizie che la banca starebbe trattando un'alleanza con la tedesca DZ Bank.

* Crollo per SNS REAAl in rosso di oltre il 12% per un report di JPMorgan. La banca d'affari americana prevede un indebolimento del gruppo di servizi finanziari danesi negli investimenti equity e un aumento nel prezzo dei fondi, riduce l'utile per azione per il 2008 e il 2009.

 
<p>Operatori di borsa al lavoro a Parigi. MAL/WS</p>