Borse europee, indici negativi per la quinta seduta consecutiva

martedì 10 giugno 2008 09:41
 

                             indici                chiusura
                            alle 9,50      var%       2007
---------------------------------------------------------------
  DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.552,35     -1,25    3.711,03
  FTSEurofirst300 .FTEU3      1.266,44     -1,03    1.314,42
  DJ Stoxx banche          306,33     -2,05      337,67
  DJ Stoxx oil&gas         428,92     -0,33      435,73
  DJ stoxx tech            235,15     -1,19      249,25
---------------------------------------------------------------
 FRANCOFORTE, 9 giugno (Reuters) - Le borse europee partono
negative per la quinta seduta consecutiva, penalizzate dalle
dichiarazioni del presidente della Fed, Ben Bernanke, che ha
lanciato l'allarme inflazione, fecendo diminuire le attese di un
prossimo taglio dei tassi.
 Attorno alle 9,40 l'indice FTSEurofirst 300 .FTEU segna un
calo dell'1,25%.
 "Per ora, per le borse si tratta di un contesto molto
difficili e l'inflazione bisogna combatterla", osserva un
broker.
 "Le banche centrali sono preparate, almeno a parole, per
combattare l'inflazione ma abbiamo visto poca azione. Credo che
l'ambito di azione della Fed sia piuttosto limitato considerando
il tasso di disoccupazione. Ritengo quindi che Bernanke stia
cercando di fare salire il dollaro", aggiunge il broker.
 Fra i vari mercati europei, il britannico Ftse 100 cede lo
0,84%, il Dax tedesco l'1,36%, mentre il Cac-40 francese arretra
dell'1,2%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Le banche sono sotto pressione oggi perché soffrono delle
prospettive di una stretta nella politica monetaria. RBS
(RBS.L: Quotazione), SANTANDER (SAN.MC: Quotazione) e BARCLAYS (BARC.L: Quotazione) perdono fra
l'1,5% e il 4,6%.
 * Balza del 5,7% EURASIAN NATURAL RESOURCES ENRC.L dopo
che Kazakhmys ha detto che aumenterà la propria partecipazione
nella società.
 * TULLOW OIL (TLW.L: Quotazione) sale dell'1,6% dopo l'accordo siglato
con Eni per la cessione al colosso dell'energia italiano del 52%
posseduto nei giacimenti del Mare del Nord inglese e relative
infrastrutture. 
 
 (Redazione Milano, Reuters messaging
giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net,+390266129518,
milan.newsroom@news.reuters.com))