BORSE EUROPA - Negative, ma sopra minimi su timori recessione

mercoledì 6 febbraio 2008 09:55
 

                                indici               chiusura
                             alle 9,50     var %       2007
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 0 .STOXX50E    3.716,35     +0,06    4.395,61
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.312,45     -0,15    1.506,61
DJ Stoxx banche          356,24     -0,83      424,26
DJ Stoxx oil&gas         379,87     -0,06      442,02
DJ stoxx tech            268,90     -0,02      304,27
---------------------------------------------------------------
 MILANO, 6 febbraio (Reuters) - Le borse europee partono in
calo, penalizzate dalla chiusura fortemente negativa di Wall
Street ieri e dei mercati asiatici oggi, sempre sui timori di
recessione, anche se le notizie di trattative per acquisizioni
impediscono ribassi maggiori.
 Attorno alle 9,50 l'Ftseurofirst 300 perde lo 0,15% a
1.312,45 punti che sui aggiunge al -3,1% registrato ieri sulla
scia dei dati sull'indice Ism inferiori alle stime.
 L'indice era partito con un ribasso maggiore stamani, ma ha
recuperato terreno sul balzo dei minerari sulle voci di
trattative che riguardano Xstrata XTA.L in crescita del 2%.
 "Per ora è un mercato asimmetrico, che sta andando alla
caccia di cattive notizie", osserva un broker.
 "La probabilità che gli Usa entrino in una fase di
recessione nel primo trimestre è data al 50% e il rialzo del
dollaro dimostra che gli investitori si attendono un calo del
tassi da parte della Bce in maniera più veloce del previsto",
aggiunge un altro. 
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Bhp Billiton (BLT.L: Quotazione) perde circa il 5% dopo il lancio
dell'Opa ostile da 147,4 miliardi di dollari sulla rivale Rion
Tinto (RIO.L: Quotazione)
 * La tedesca Deutsche Postbank DPBGn.DE cresce del 5,6%,
fra i migliori titoli europei, sulle notizie di stampa secondo
cui la controllante Deutsche Post sta cercando di realizzare un
banca retail tedesca intorno a Postbank.
 * Il gruppo che produce energia solare Renewable Energy
Corporation (REC.OL: Quotazione) perde il 17% sui ritardi e l'aumento dei
costi in un impianto negli Stati Uniti.