BORSE EUROPA - Indici pesanti nel pomeriggio dopo Trichet

giovedì 6 marzo 2008 16:09
 

                                indici              chiusura
                           alle 16,00       var%        2007
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   3.642,46     -1,13    4.395,61
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.291,20     -0,78    1.506,61
DJ Stoxx banche          337,73     -2,14      424,26
DJ Stoxx oil&gas         388,00     -0,72      442,02
DJ stoxx tech            250,98     -1,73      304,27
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 6 marzo (Reuters) - I listini europei estendono i
ribassi nel pomerigg dopo che il presidente della Bce,
Jean-Claude Trichet, ha detto che l'ancoraggio delle aspettative
di inflazione di medio termine è la priorità dell'istituto
centrale. I commenti sono giunti dopo che la Bce ha lasciato i
tassi invariati al 4%.
 A deprimere i mercati sin da stamani sono stati i risultati
deludenti dell'assicuratore olandese Aegon (AEGN.AS: Quotazione) che sta
tenendo sotto pressione il settore finanziario. I buoni
risultati di E.On EONG.DI e delle società di distribuzione al
dettaglio hanno, invece, limitato finora le perdite dei listini.
 Intorno alle 16,10 il FTSEurofirst 300 .FTEU3, paniere dei
principali titoli del Vecchio Continente, cede lo 0,74% a
1.291,52 punti, mentre il Dj Eurostoxx .STOXX50E arretra dello
0,46%. Tra gli indici di riferimento dei singoli mercati, il
Ftse 100 .FTSE britannico perde lo 0,74%, il Cac 40 francese
.FCHI lo 0,85% e il Dax tedesco .GDAXI lo 0,56%.
 
 Tra i titoli in evidenza:
 * Aegon perde il 5,30% dopo il ribasso del 26% dei profitti
trimestrali netti, a causa delle svalutazioni e delle
fluttuazioni delle valute.
 * In calo di circa il 4% Ing ING.AS, l'assicuratore
francese Axa (AXAF.PA: Quotazione) arretra del 2,76% e la tedesca Allianz
(ALVG.DE: Quotazione) del 2,35%. Giù anche le banche penalizzate dai
persistenti timori sul rallentamento dell'economia Usa e dal
nervosismo prima della decisione della Bce.
 * E.On sale del 3% dopo che i risultati trimestrali sono
stati superiori alle stime del mercato e gli investitori sono
rimasti favorevolmente colpiti dal dividendo sopra le attese.