BORSE EUROPA - Indici in calo appesantiti da banche e Nokia

martedì 4 dicembre 2007 15:28
 

                                indice               chiusura
                             alle 15,05     var %       2006
---------------------------------------------------------------
DJ EuroStoxx50 .STOXX50E    4.341,09     -0,70    4.119,94
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.501,13     -1,28    1.483,47
DJ Stoxx banche          426,22     -2,62      510,33
DJ Stoxx oil&gas         427,66     -0,21      411,61
DJ stoxx tech            305,59     -2,67      307,69
---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 4 dicembre (Reuters) - Le borse europee viaggiano in
deciso ribasso nel pomeriggio, appesantite dai finanziari e dal
calo di Nokia NOK1V.HE, innescato dalla delusione sui target
del gruppo.
 A pesare sui listini anche le attese di un avvio negativo a
Wall Street.
 Alle 15,05 il Ftse 100 britannico .FTSE cede l'1,1%, il
Cac 40 francese .FCHI l'1,3% e il Dax tedesco .GDAXI lo
0,3%.
 Nokia lascia sul terreno il 3,8% dopo avere detto che si
aspetta un margine operativo del 20% circa nei prossimi uno-due
anni per il business dei cellulari e  servizi. 
 Alla negatività dell'indice dei bancari si aggiunge quella
delle auto (-2,8% lo Stoxx di settore ) sulla scorta del
rafforzamento dell'euro sul dollaro. Nel comparto ribassi del
3-4% per Fiat FIA.MI, Peugeot (PEUP.PA: Quotazione), Renault (RENA.PA: Quotazione),
Porsche (PSHG_p.DE: Quotazione).
 
 Tra i titoli da segnalare:
 * ThyssenKrupp (TKAG.DE: Quotazione) scivola del 5% sulla scia di
previsioni di utili pre-tasse in calo nell'esercizio fiscale in
corso dopo che gli utili 2006/07 hanno deluso le attese degli
analisti.
 * La società olandese dei sistemi di navigazioni TomTom
(TOM2.AS: Quotazione) arretra del 9% dopo l'annuncio di ieri sull'aumento di
capitale fino a 500 milioni di euro per finanziare
l'acquisizione di Tele Atlas TA.AS e per ridurre la leva
finanziaria.
 * Il gruppo chimico e farmaceutico tedesco Bayer BAYG.DE
balza del 3% circa su un ritorno delle voci di interesse da
parte della svizzera Novartis NOVN.VX, che a Zurigo cede lo
0,39%.