BORSE EUROPA - In rialzo, trascinate da industria estrattiva

venerdì 11 dicembre 2009 16:59
 

                               indici              chiusura
                             alle 16,45    var%      2008
----------------------------------------------------------------


DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.872,92    +0,76    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.012,53    +0,77      831,97
DJ Stoxx banche          218,61    -0,61      149,51
DJ Stoxx oil&gas         315,89    +0,85      264,50
DJ Stoxx tech            177,84    +1,14      152,86
 ---------------------------------------------------------------
 PARIGI, 11 dicembre (Reuters) - Le Borse europee aggiungono
guadagni a quelli realizzati ieri, trainate dai titoli legati
alle materie prime,  che avanzano spinti dai dati macroeconomici
positivi arrivati dalla Cina. La produzione industriale cinese a
novembre è salita ai massimi da giugno 2007.
 I segnali di ripresa dell'economia americana, che si sono
concretizzati nella crescita delle vendite al dettaglio a
novembre e della salita dell'indice preliminare
Reuters/Università del Michigan sulla fiducia dei consumatori a
dicembre, entrambi sopra le attese, non hanno influenzato
particolarmente le Piazze del Vecchio continente.
 Scendono i titoli bancari, unico comparto negativo.  Pesano
soprattutto le banche greche (che perdono nel complesso il 6%) e
quelle spagnole, sotto pressione per i timori sulla situazione
finanziaria dei due paesi, che nei giorni scorsi hanno visto il
taglio del rating nel caso della Grecia e dell'outlook in quello
della Spagna.
 Intorno alle 16,45 l'indice FTSE Eurofirst 300 .FTEU3 sale
dello 0,77%. Tra le singole piazze, Londra .FTSE guadagna lo
0,73%, Francoforte .GDAXI l'1,09% e Parigi .FCHI lo 0,47%.
  
 Tra i titoli in evidenza oggi:
 * I bancari sono il settore peggiore d'Europa, in calo dello
0,61%. Oltre alle banche greche e spagnole, scende dell'1,6%
Deutsche Bank (DBKGn.DE: Quotazione), dell'1,4% Royal Bank of Scotland
(RBS.L: Quotazione), dell'1,2% Commerzbank (CBKG.DE: Quotazione) e Credit Agricole
(CAGR.PA: Quotazione), dell'1,1% Ubs UBSN.VX.
 * Balza di oltre il 5% Ing ING.AS, che ha annunciato
l'imminente rimborso al governo olandese di metà dei 10 miliardi
di euro di aiuti pubblici ricevuti l'anno scorso. 
 * Il comparto dell'energia è tornato in linea con il
mercato, ritracciando la crescita registrata sulla scia del
rialzo del greggio. BG Group BG.L, BP (BP.L: Quotazione), Royal Dutch
Shell (RDSa.L: Quotazione) e Total (TOTF.PA: Quotazione) sono tutte positive. Negativa è
Dragon Oil DGO.L, che perde il 2,2%, dopo aver rinunciato
all'offerta da 1,9 miliardi di dollari da parte di Enoc
(controllata di Dubai) per il 48% della società.
 * In luce i titoli minerari dopo i segnali positivi arrivati
dell'economia cinese. Forti progressi per Antofagasta (ANTO.L: Quotazione),
Kazakhmys (KAZ.L: Quotazione), BHP Billiton (BLT.L: Quotazione), Rio Tinto (RIO.L: Quotazione) e
Xstrata XTA.L, che guadagnano tutte dall'1,8 al 3%.
 * Un downgrade di Merrill Lynch a "neutral" pesa sul
farmaceutico tedesco Arzneimittel (STAGn.DE: Quotazione), mentre sale
l'aeroporto di Francoforte Fraport (FRAG.DE: Quotazione) grazie al giudizio
"overweight" assegnato da Hsbc.
 * Mouchel MCHL.L guadagna oltre il 17% dopo che il gruppo
ha fatto sapere che è sulla buona strada per centrare gli
obiettivi di crescita per l'anno che terminerà a fine luglio.
 * In controtendenza AXA (AXAF.PA: Quotazione), che perde oltre il 2%
dopo la sospensione della vendita della  propria quota del 15,6%
nella cinese Taikang Life.
 * ASOS (ASOS.L: Quotazione) perde oltre lo 0,8% dopo che Charles Stanley
ha assegnato al negozio di moda online il rating "sell",
spiegando che si tratta di una "azienda molto buona" ma che è
"prezzata per la perfezione".
 * La compagnia aerea low cost Ryanair (RYA.I: Quotazione) sale del 2,7%
grazie alla promozione a "outperform" da "in-line" da parte del
broker Cazenove. EasyJet (EZJ.L: Quotazione) è invece piatta sulla notizia
che l'ad Andy Harrison lascerà la compagnia e dopo che Cazenove
ha tagliato il rating a "in-line" da "outperform".
 * Autoliv (ALV.N: Quotazione) (ALIVsdb.ST: Quotazione), il più grande produttore di
airbag e cinture di sicurezza, ha alzato le indicazioni per il
quarto trimestre, a causa dell'impennata del mercato
automobilistico in Cina e in altri mercati emergenti. A
Stoccolma il titolo sale di oltre il 6%. 
 * Il produttore di sistemi elettronici per la difesa Thales
(TCFP.PA: Quotazione) è in rally dopo aver presentato un piano quinquennale
di taglio dei costi attraverso il miglioramento dell'efficienza.