BORSE EUROPA - In calo dell'1,6%, pesano bancari su timori Dubai

martedì 8 dicembre 2009 17:02
 

                               indici              chiusura
                             alle 16,45    var%      2008
----------------------------------------------------------------


DJ EuroStoxx 50 .STOXX50E   2.849,42    -1,61    2.451,48
FTSEurofirst300 .FTEU3      1.003,85    -1,63      831,97
DJ Stoxx banche          219,98    -2,21      149,51
DJ Stoxx oil&gas         315,20    -1,56      264,50
DJ Stoxx tech            176,23    -0,07      152,86
 ---------------------------------------------------------------
 LONDRA, 8 dicembre (Reuters) - Nel pomeriggio i listini
europei ampliano le perdite, dopo aver girato in negativo in
tarda mattinata. Trascinano al ribasso gli indici i titoli
bancari, penalizzati dai nuovi timori per le esposizioni verso
Dubai, e i dati sotto le attese sulla produzione industriale
tedesca. Pesa inoltre il taglio, da parte di Fitch, del rating
sul debito della Grecia a BBB+ da A-, con un outlook negativo.
 Il settore bancario è tra i peggiori. Per gli analisti,
all'origine delle vendite c'è un rapporto sull'entità delle
perdite riportate da Nakheel, una controllata di Dubai World. Il
gruppo immobiliare avrebbe accusato una perdita di 3,65 miliardi
di dollari nella prima metà dell'esercizio.
 Pesano anche i dati sulla produzione industriale tedesca,
che a ottobre è inaspettatamente calata  dell'1,8%  rispetto a
settembre, a fronte del consensus per una ripresa dell'1,0%.
 Alle 16,45, l'indice Ftse Eurofirst 300 .FTEU3 perde
l'1,63%. Londra .FTSE segna -1,52%, Francoforte .GDAXI
-1,54% e Parigi .FCHI -1,4%. 
 
 Tra i titoli in evidenza oggi:
 
 * I bancari sono tra i titoli peggiori, con l'indice di
settore  che perde il 2,21%.  Barclays (BARC.L: Quotazione), HSBC
(HSBA.L: Quotazione), Banco Santander (SAN.MC: Quotazione), Standard Chartered (STAN.L: Quotazione)
si avvicinano a perdite di quasi il 3%.
 * Particolarmente penalizzata Royal Bank of Scotland
(RBS.L: Quotazione), che cede oltre il 7% sui timori delle dimissioni del
board per le divergenze con il governo sul tema dei bonus e
sulle preoccupazioni per il debito di Dubai.
 * Soffrono soprattutto le banche greche, dopo che il
rapporto di S&P ha evidenziato come gli istituti del paese siano
i più esposti ai rischi in Europa occidentale. Bank of Piraeus
(BOPr.AT: Quotazione) e National Bank of Greece (NBGr.AT: Quotazione) perdono oltre
l'8%.
 * Negativo anche il comparto auto (-2,17%)
 * Contengono le perdite i farmaceutici e i titoli
tecnologici. Tra questi ultimi si mettono in mostra ERICSSON
(ERICb.ST: Quotazione), che guadagna l'1,57%, e NOKIA (NOK.N: Quotazione), che ha
ricevuto la promozione a perform da underperform  dal broker
BMO.
 * In grande spolvero TNT TNT.AS (+3,15% circa): un
giornale olandese ha scritto che due fondi attivisti avrebbero
rastrellato sul mercato azioni del gruppo di spedizioni con
l'obiettivo di un riassetto.
 * TESCO (TSCO.L: Quotazione), numero tre al mondo nella grande
distribuzione, arretra del 2,7% dopo aver annunciato vendite
deludenti.