Salman Rushdie vince premio speciale "Best of Booker"

giovedì 10 luglio 2008 14:10
 

di Mike Collett-White

LONDRA (Reuters) - Lo scrittore britannico Salman Rushdie ha vinto oggi il premio "Best of the Booker", organizzato per celebrare il 40esimo anniversario del prestigioso concorso letterario annuale.

Il suo libro "I figli della mezzanotte", un romanzo sulla nascita dell'India moderna, vinse già il Booker Prize nel 1981, e lo scrittore era uno dei favoriti nella sfida per aggiudicarsi questo nuovo premio speciale, assegnato dal pubblico tramite una votazione online.

L'autore 61enne, che nel 1988 attirò su di sé l'ira della comunità musulmana e minacce di morte con il libro "I versetti satanici", vinse anche la 25esima edizione del Booker nel 1993.

"E' una notizia fantastica!", ha detto Rushdie dagli Stati Uniti, dove si trova per un giro di conferenze che gli ha impedito di ritirare personalmente il premio assegnato a Londra.

"Sono molto felice e voglio ringraziare tutti i lettori in giro per il mondo che hanno votato per "I figli della Mezzanotte", ha aggiunto lo scrittore in un comunicato.

Victoria Glendinning, presidente della giuria che ha stilato la lista dei finalisti fra cui il pubblico è stato invitato a votare, ha detto: "Migliaia di lettori si sono espressi. E crediamo che abbiano fatto la scelta giusta".

Circa 8.000 lettori hanno partecipato alla votazione, vinta dal libro di Rushdie con il 36% delle preferenze.

"I figli della mezzanotte" racconta la storia di Saleem Sinai, nato allo scoccare della mezzanotte del giorno della proclamazione di indipendenza dell'Idia nel 1947 e segue le sue vicissitudini che si intrecciano con la vita politica e sociale del paese.

 
<p>Salman Rushdie in una foto d'archivio. REUTERS/Andrea Comas</p>