Maturità, poesia di Montale tra le tracce, ma c'è un errore

mercoledì 18 giugno 2008 21:51
 

MILANO (Reuters) - Circa mezzo milione di studenti hanno affrontato oggi la prima prova dell'esame di maturità - il tema di italiano - scegliendo in maggioranza la forma del "saggio breve", mentre chi ha scelto la traccia sul poeta Eugenio Montale si è imbattuto in un errore commesso dai tecnici del ministero.

Gli studenti potevano scegliere fra quattro tipologie di esame. Nell'ambito della prima tipologia, scelta dal 6,6% dei maturandi, dovevano affrontare l'analisi testuale della poesia di Montale "Ripenso il tuo sorriso", tratta dalla raccolta "Ossi di Seppia" del 1925.

La traccia recava però un errore, che lo stesso ministero ha dovuto ammettere, precisando però che non inficia la validità dell'esame.

Nella traccia sulla poesia di Montale, si chiedeva al candidato di individuare e commentare le parti in cui si parlava tra l'altro del "ruolo salvifico e consolatorio svolto dalla figura femminile", quando in realtà, secondo quanto rivelato dagli esperti intervistati dai media, i versi erano dedicati a un uomo.

"Le responsabilità per le imprecisioni e l'errore contenuti nella traccia relativa alla poesia 'Ripenso il tuo sorriso' di Eugenio Montale, proposta per la prova di italiano, saranno individuate e saranno adottati gli opportuni e conseguenti provvedimenti. Quanto accaduto non inficia comunque la validità dell'esame", ha detto il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini in una nota.

COSTITUZIONE E LAVORO

La maggioranza degli studenti -- il 57,3% -- si è comunque cimentata sulla redazione di un saggio breve o un articolo di giornale sui seguenti temi: "La percezione dello straniero nella letteratura e nell'arte, "Il lavoro tra sicurezza e produttività", "60 anni dall'entrata in vigore della nostra Costituzione. Un bilancio dei suoi valori attuali e del suo rapporto con la società italiana", e "Quale idea di scienza nello sviluppo tecnologico della società umana".

L'esame prevedeva in alternativa un tema di argomento storico, preferito dal 4,7% dei candidati -- su "Cittadinanza femminile e condizione della donna nel divenire dell'Italia del Novecento", e un tema di ordine generale sul cambiamento nelle modalità di trasmettere le emozioni nell'era delle comunicazioni elettroniche, che è piaciuto al 31,4% degli studenti.

La prova di oggi - la prima di quelle scritte, durante le quali era assolutamente vietato l'uso dei cellulari e di altri apparecchi elettronici - è durata sei ore.

Su un totale di 496.637 studenti impegnati nell'esame, 187.748 (il 37,8%) sono iscritti agli istituti tecnici, 106.557 ai licei scientifici (21,5%), 84.415 agli istituti professionali (17%) e 54.094 (10,9%) ai licei classici.

Domani sarà la volta della seconda prova scritta: greco per il liceo classico, matematica per lo scientifico, lingua straniera al linguistico, pedagogia al pedagogico ed elementi di architettura al liceo artistico.

 
<p>Immagine d'archivio di studentesse inglesi. REUTERS REUTERS/Ian Hodgson IH/ASA</p>