Usa, O.J. Simpson esce dal carcere in caso rapina a mano armata

giovedì 17 gennaio 2008 09:18
 

LAS VEGAS (Reuters) - O.J. Simpson è stato liberato ieri sera e ha lasciato il carcere di Las Vegas dove ha trascorso cinque notti per aver cercato di entrare in contatto con un imputato in un caso di rapina a mano armata che potrebbe farlo restare in prigione tutta la vita.

L'ex stella del football ha dovuto pagare una cauzione di 250.000 dollari che è stata richiesta da un giudice. Simpson ha lasciato il carcere a bordo di una Mercedes bianca, con addosso gli stessi abiti di quando fu arrestato.

Simpson, che è stato assolto nel 1995 dall'accusa di aver ucciso la sua ex-moglie, è stato accusato di aver organizzato una rapina lo scorso anno per riavere alcuni oggetti che appartenevano alla sua carriera sportiva.

Il giudice del tribunale della contea di Clark, Jackie Glass, che lo accusato di essere arrogante e ignorante, ha raddoppiato la cauzione di Simpson e gli ha detto di impegnare la sua casa in Florida come ulteriore garanzia.

Glass aveva detto che Simpson, 60 anni, ha violato i termini della cauzione fissata in novembre a 125.000 dollari quando ha lasciato un messaggio telefonico volgare al suo co-imputato nel tentativo di dissuaderlo dal collaborare con le autorità.

Simpson e due co-imputati, Clarence "CJ" Stewart e Charles Ehrlich, hanno affrontato un processo lo scorso aprile per una decina di accuse, tra cui quella di sequestro di persona e rapina a mano armata. Simpson è accusato di aver guidato un gruppo di uomini in un hotel di Las Vegas per prendere alcuni oggetti appartenenti alla sua carriera sportiva, minacciando due collezionisti con una pistola in mano.

 
<p>O.J. Simpson nell'aula di tribunale a Las Vegas. REUTERS/Rick Wilking (UNITED STATES)</p>