Francia cerca esito pacifico per sequestro yacht in Somalia

sabato 5 aprile 2008 17:28
 

PARIGI (Reuters) - La Marina francese è sulle tracce di un'imbarcazione di lusso sequestrata ieri da un gruppo di pirati al largo delle coste della Somalia, mentre Parigi cerca una soluzione pacifica, senza il ricorso alla forza, per liberare i 30 membri dell'equipaggio.

E' quanto ha detto il primo ministro francese François Fillon oggi.

"Stiamo seguendo questo sequestro continuamente", ha spiegato Fillon ai giornalisti.

"Al momento sono aperti tutti i canali per trattare e per cercare di risolvere la vicenda senza ricorrere alla forza", ha detto il premier."Stiamo cercando di mettere in primo piano le vite di chi si trova a bordo".

Ieri un gruppo di pirati ha attaccato l'imbarcazione a tre alberi, il Ponant, nel golfo di Aden prendendo in ostaggio l'equipaggio. In quel momento non c'erano passeggeri a bordo.

Il ministro della Difesa francese Herve Morin ha detto che 22 membri dell'equipaggio -- tra cui sei donne -- sono di origine francese mentre tra gli altri ci sono ucraini e coreani.

"Al momento non abbiamo contatti con i pirati e non sappiamo quali siano le loro intenzioni", ha detto ai giornalisti Morin. "Continuiamo a seguirli".

Il Ministero della Difesa ha detto di aver inviato una piccola nave da guerra -- la Commandant Bouan -- sulle tracce dell'imbarcazione sequestrata.

Morin ha detto che la Somalia ha permesso alla Marina francese di entrare nelle sue acque mentre altre fregate sono state inviate sul posto.

Il Ponant è un'imbarcazione di proprietà della "Compagnie des Iles du Ponant" ed era diretto dalle Seychelles al Mar Mediterraneo quando è stato intercettato dai pirati.

 
<p>Il "Ponant". REUTERS/CMA CGM/Handout</p>