Spagna pronta a dare incentivi economici per rimpatrio immigrati

domenica 15 giugno 2008 14:26
 

MADRID (Reuters) - La Spagna intende offrire agli immigrati disoccupati incentivi economici per indurli a ritornare nel proprio paese.

Lo ha detto oggi il ministro per il Lavoro e l'Immigrazione, Celestino Corbacho, in un'intervista con il quotidiano El Pais.

La crisi dell'economia ha imposto una brusca frenata al boom del settore edilizio in Spagna e le imprese stanno licenziando molti operai tra cui tanti provenienti dall'America latina, dal Nordafrica e dall'Europa dell'est.

Corbacho ha detto che i lavoratori che accetteranno la proposta potranno ricevere i sussidi di disoccupazione accumulati in due somme forfettarie e portare le loro famiglie con sé a patto di impegnarsi a non rientrare in Spagna per almeno tre anni.

Corbacho ritiene che gli incentivi - che potrebbero partire dal mese prossimo - dovrebbero riguardare un milione di operai e le loro famiglie.

Gli immigrati rappresentano circa il 10% della popolazione della Spagna. Nei decenni scorsi molti spagnoli hanno abbandonato il paese per andare a lavorare in paesi del nord Europa.

Corbacho ha detto che il governo intende rendere più severe le norme che permettono agli immigrati il ricongiungimento con i propri familiari in Spagna.

"Esiste un nucleo famigliare su cui non si discute: (quello formato da) una coppia e da bambini minorenni. Sul resto si può discutere", ha detto.

"Le famiglie possono essere molto grandi... in relazione ai servizi che il welfare del nostro Stato è in grado di offrire".

Secondo le stime del quotidiano la Spagna ha rilasciato oltre 250.000 visti a livello famigliare dal gennaio del 2005.

 
<p>La Spagna &egrave; pronta a dare incentivi economici per il rimpatrio degli immigrati. REUTERS/Grant Lee Neuenburg</p>