Heineken Jammin Festival: sul palco Vasco, Sex Pistols e Police

martedì 4 marzo 2008 16:04
 

MILANO (Reuters) - Sex Pistols, Police e Vasco Rossi saranno alcuni dei protagonisti dell'edizione 2008 dell'Heineken Jammin' Festival, l'evento musicale "all'insegna del rock", che quest'anno compie undici anni.

Dal 20 al 22 giugno sul palco del parco di San Giuliano a Mestre (Venezia) si esibiranno anche Iggy & The Stooges, Chris Cornell e Linkin park, nella serata di venerdì, oltre ai Sex Pistols.

Sabato -- aspettando Vasco -- sarà il turno di No conventional sound, Matmata, Mab e Marlene Kuntz mentre domenica -- la serata dei Police -- si esibiranno Counting Crows, Baustelle e Alanis Morrisette.

Oltre ai "big" della musica internazionale ci sarà spazio anche per gruppi emergenti, in un evento che ha visto sul palco cantanti del calibro di Ben Harper, Robin Williams ma anche gruppi meno noti poi diventati famosi come Negramaro e Subsonica.

L'Heineken Jammin' Festival Contest -- giunto alla quarta edizione e riservato a musicisti indipendenti -- darà la possibilità di esibirsi ad artisti senza contratto con case discografiche.

Tra i protagonisti delle tre serate non poteva mancare Vasco Rossi -- che accettò di cantare alla prima edizione del festival nel 1998 --. Il prossimo 14 marzo uscirà il suo nuovo singolo "Il mondo che vorrei" che dà il titolo anche all'album, in uscita il 28 marzo.

"Sarà un'occasione unica per vedere i Sex Pistols che saranno sul palco nella formazione originaria e i Police forse alla loro ultima esibizione, visto che ad agosto dovrebbero sciogliersi", ha detto Roberto De Luca, presidente del cda di Milano Eventi che organizza il festival.

UN ANNO DOPO LA TROMBA D'ARIA

L'edizione 2007 dell'Heineken Jammin Festival -- sempre al parco di San Giuliano, a Mestre -- fu funestata da una tromba d'aria che cancellò, tra gli altri, i concerti dei Pearl Jam e di Vasco Rossi.   Continua...

 
<p>In un'immagine di qualche tempo fa, i Sex Pistols (da sinistra a destra) Glen Matlock, Johnny Rotten, Paul Cook e Steve Jones in un'esibizione al Roxy bar di Los Angeles. REUTERS/Mario Anzuoni</p>