Scandalo squillo, governatore New York sotto pressione

martedì 11 marzo 2008 13:58
 

NEW YORK (Reuters) - Il governatore di New York Eliot Spitzer è sotto pressione e molte persone chiedono le sue dimissioni dopo la notizia che lo vede legato a un giro di prostitute d'alto bordo.

Un articolo pubblicato sul New York Times ha riferito che l'uomo, che si è fatto un nome combattendo la corruzione, ha contattato una prostituta da 1.000 dollari l'ora ed è stato pizzicato in intercettazioni telefoniche almeno sei volte dal 12 al 13 febbraio mentre fissava appuntamenti in un hotel di Washington.

Spitzer -- 48 anni democratico, sposato impegnato in numerose inchieste sulla prostituzione nei panni di procuratore generale di New York -- si è scusato per quella che ha definito una "faccenda privata" ma non ha detto nulla su eventuali dimissioni.

Non ha nemmeno confermato né smentito la notizia. I repubblicani dello Stato lo hanno sollecitato a dimettersi.

Il leader repubblicano all'opposizione dell'Assemblea di Stato di New York James Tadisco ha detto ieri di aver ricevuto una telefonata dal vice governatore David A. Paterson per discutere di un possibile passaggio di potere nel caso in cui Spitzer si dimetta.

Il New York Times, citando fonti legali anonime, ha riportato nell'edizione di oggi che le indagini sono iniziate lo scorso anno durante un verifica dell'Internal Revenue Service su delle transazioni finanziarie sospette riferite dalle banche.

"I pagamenti sono stati effettuati nell'arco di diversi mesi in un modo che gli investigatori credono fosse volto a nascondere causali e fonti, il che potrebbe costituire un reato detto 'structuring'", punibile con la detenzione fino ai cinque anni, si legge sul Times.

Il New York Times ha scritto in un editoriale che l'insistenza di Spitzer nel definire la vicenda "una questione privata" mette in evidenza una certa arroganza.

"Non soltanto ha tradito la sua famiglia in una vicenda privata. Ma ha anche tradito il pubblico", scrive il quotidiano.   Continua...

 
<p>Il governatore di New York Eliot Spitzer con la moglie Silda Wall Spitzer durante la conferenza stampa di scuse di ieri. REUTERS/Shannon Stapleton (UNITED STATES)</p>