India, bambine pagate per andare a scuola

lunedì 28 aprile 2008 11:19
 

MUMBAI (Reuters) - Le bambine che frequentano le scuole statali a Mumbai, capitale finanziaria dell'India, finiranno le scuole un po' più ricche di quando l'hanno iniziata.

Per ogni giorno di presenza in classe, le autorità municipali pagheranno loro una rupia, circa due centesimi di dollaro Usa. I bambini invece continueranno a non portare a casa nulla, se non i compiti.

La mossa ha due obiettivi. Uno è migliorare il bassissimo tasso di frequenza scolastica. L'altro è dare più potere alle ragazze a alle donne.

Per le studentesse di Mumbai, il programma suona come soldi facili, ma sembra che nessuna delle 220.000 scolare possa fare il jackpot.

"Dobbiamo ancora trovare una ragazza con il 100% delle presenze", ha detto S.S. Shinde, commissario municipale per l'educazione.

Migliorare il sistema educativo -- e assicurarlo alle femmine -- è una priorità in India. I recenti successi economici del paese sono stati spinti in larga parte dall'industria dei servizi, che dipende da impiegati con un'alta scolarizzazione.

Ma la frequenza degli studenti non è il solo problema. Anche gli insegnanti spesso non si presentano, e quelli che lo fanno hanno una scarsa preparazione e le strutture lasciano a desiderare.

 
<p>Tre bambine indiane sui banchi di scuola. REUTERS/Jayanta Shaw (INDIA)</p>