Olimpiadi, Cina condanna manifestazioni pro-Tibet in Europa

martedì 8 aprile 2008 09:42
 

PECHINO (Reuters) - La Cina ha espresso oggi la sua condanna contro i manifestanti di Londra e Parigi che hanno assalito la torcia dei Giochi di Pechino, mentre i media di stato hanno accusato i sabotatori di distruggere la reputazione delle Olimpiadi.

Anche un funzionario internazionale per le Olimpiadi ha criticato le proteste, ma ha detto che la staffetta dovrebbe continuare il suo percorso intorno al mondo.

Le autorità parigine sono state costrette ieri a mettere velocemente la torcia dentro a un autobus per evitare che gli oppositori alle politiche in Tibet di Pechino ne prendessero possesso.

Il giorno precedente, gli attivisti pro-Tibet a Londra avevano reso l'evento una corsa a ostacoli.

La Cina ha immediatamente condannato le manifestazioni come "vili", mentre tv e giornali di stato hanno mostrato le proteste suscitando l'ira degli spettatori.

"Esprimiamo la nostra ferma condanna alle deliberate interruzioni della staffetta olimpica da parte delle forze separatiste per 'l'indipendenza del Tibet'", ha detto una portavoce del ministero degli Esteri Jiang Yu in un comunicato pubblicato su www.fmprc.gov.cn.

Sun Weide, portavoce di Pechino per le Olimpiadi, ha definito le manifestazioni di Parigi "blasfeme".

Le manifestazioni contro la torcia olimpica seguono i disordini in Tibet per i quali la Cina accusa il Dalai Lama, il leader della religione buddista in esilio, che respinge le accuse di Pechino.

Il presidente del Cio Jacques Rogge ha chiesto ai manifestanti di rispettare la fiamma olimpica come simbolo di unità. "Diciamo che rispettiamo la gente che vuole protestare, questa è libertà di parola, libertà di espressione", ha detto Rogge in una intervista con i media cinesi oggi.

"In ogni caso, le proteste devono essere pacifiche. Noi non accettiamo la violenza. Accettiamo le proteste, ma non la violenza".

Il responsabile stampa del Comitato olimpico internazionale (Cio) Kevan Gosper ha detto di essere "disperatamente deluso" dalle scene caotiche di Parigi, che potrebbero secondo lui ripetersi a San Francisco, dove la torcia olimpica farà la sua prossima tappa.

 
<p>La fiaccola sul bus a Parigi REUTERS/Patrick Kovarik/POOL</p>