Medicina, scoperti circuiti cerebrali che regolano l'attenzione

mercoledì 16 luglio 2008 19:51
 

LONDRA (Reuters) - Alcuni scienziati hanno identificato i circuiti cerebrali che hanno un ruolo chiave nell'aiutarci a mantenere l'attenzione, una scoperta che potrebbe aiutare a spiegare cosa non funziona nei casi di Alzheimer e disturbi da deficit di attenzione.

La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature, potrebbe servire per studiare nuovi medicinali per le malattie degenerative e per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (o Adhd), hanno detto i ricercatori.

"Quello che abbiamo identificato opera in un'area particolare del cervello", ha spiegato Alex Thiele, scienziato neurologico alla Newcastle University e coordinatore dello studio.

"Se vogliamo concepire dei medicinali per queste malattie, dobbiamo arrivare a questo livello di dettaglio".

L'Alzheimer è una malattia degenerativa per la quale non esiste una cura. Circa 24 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di perdita di memoria e problemi di orientamento che indicano l'Alzheimer e altri di forme meno comuni di demenza.

I medicinali esistenti, come Aricept di Pfizer e Eisai, Exelon di Novartis e Razadyne o Reminyl di Johnson & Johnson e Shirepossono dare sollievo ai sintomi ma non combattono la malattia.

Questi medicinali infatti non agiscono sui recettori, mentre Thiele afferma che una medicina che li attivasse potrebbe essere un approccio utile ad aumentare l'attenzione, rallentando così l'Alzheimer.

Si tratta della prima volta, afferma Thiele, che si arriva a comprendere parte di questi meccanismi.

 
<p>REUTERS/Issei Kato</p>