February 15, 2008 / 4:45 PM / 9 years ago

Ambiente, cultura dell'acqua da bere contro l'inquinamento

5 IN. DI LETTURA

<p>Una ragazza beve acqua dalla bottiglia.Nigel Roddis (BRITAIN)</p>

di Ilaria Polleschi

MILANO (Reuters) - Se bere tanta acqua, si sa, fa bene alla salute, scegliere quale usare a tavola, e non solo, può aiutare a far bene all'ambiente, secondo gli esperti.

Gli italiani sono tra i massimi consumatori di minerale in bottiglia, nonostante l'acqua che scorre nelle tubature delle città sia ritenuta mediamente buona.

Una moda e un'abitudine che risalgono agli anni 70, con l'avvento del pvc, ma che implica grossi costi in termini ambientali ed economici per lo smaltimento della plastica, tanto da indurre il patriarcato di Venezia a proporre per la Quaresima di limitare l'acquisto delle bottiglie a favore del rubinetto e devolvere quanto risparmiato in beneficenza, con buona pace delle aziende di acque minerali.

Gli ambientalisti da tempo sostengono che bere la cosiddetta acqua "del sindaco" sia ecologicamente più compatibile, nonostante l'acqua minerale resti la bevanda più diffusa in Italia, con il 98% delle famiglie che l'acquista regolarmente, secondo i dati di Mineracqua.

"Mettere a confronto l'acqua potabile con l'acqua minerale in termini di alternativa è scientificamente e tecnicamente non corretto", spiega in una nota Ettore Fortuna, presidente di Mineracqua, che definisce la pressione a consumare solo acqua del rubinetto "un atto coercitivo, un abuso di autorità che deve essere combattuto".

Secondo un'indagine commissionata dalla stessa federazione, i consumatori preferiscono bere l'acqua in bottiglia perché, secondo il 32,7% degli intervistati ha un gusto migliore; mentre per il 32% contribuisce di più al benessere e per il 23% è più sicura e controllata.

"Oggi la vera sfida dell'industria è quella di beneficiare del valore creato nel nostro Paese per andare a conquistare quote di mercato all'estero. Più di un miliardo di litri sono oggi da noi venduti all'estero, anche in paesi esigenti come il Giappone e gli Stati Uniti", aggiunge Fortuna, precisando che a New York una bottiglia di mezzo litro di acqua minerale italiana è venduta a 7 dollari.

"L'acqua potabile può approfittare di quanto fatto dall'industria dell'acqua minerale. Anche essa è bene prezioso perché limitato e in quanto tale può e deve essere valorizzato. Ma valorizzare l'acqua potabile a discapito di quella minerale sarebbe però come farsi una guerra tra poveri".

Chiedere L'acqua Del Rubinetto Al Bar

Gli amanti dell'acqua del rubinetto, tra cui si annovera anche il sindaco di Venezia Massimo Cacciari, possono comunque star sicuri di bere un prodotto controllato, sicuro e in alcuni casi, come per l'acquedotto di Milano, anche buono.

"I valori della nostra acqua sono allineati con la media delle acque minerali", spiega Guido Rosti, direttore del settore Ambiente e energia del comune di Milano, forte di un acquedotto di oltre 2.300 km di tubi e di 28.000 analisi all'anno.

Pochi invece sono quelli che chiedono l'acqua del rubinetto al bar o al ristorante -- come invece accade in diversi paesi europei, come in Francia -- anche se non esistono normative che ne impediscano di fatto la distribuzione.

"Al ristorante o al bar si può chiedere tranquillamente l'acqua del rubinetto, ma gli esercenti si adeguano alla richiesta dei clienti dell'acqua in bottiglia", spiega a Reuters Tullio Galli, direttore della Fiepet, la federazione degli esercizi pubblici.

Intanto c'è chi rilancia l'uso della borraccia, da far diventare un oggetto di moda, come quelle di alluminio della svizzera Sigg, che quest'anno festeggia il centenario.

"Bere è una cosa che concerne tutti, scegliere di bere da una borraccia può essere una scelta per fare bene a se stessi", spiega Catherine Regan, direttore marketing di Sigg, che a Milano -- in concomitanza con l'anniversario del protocollo di Kyoto sulle emissioni di Co2 che si celebra in questi giorni -- venderà una edizione speciale della borraccia a 10 euro, il cui ricavato andrà per il 50% ad un progetto di riforestazione in Costa Rica curato da Lifegate per "Impatto zero".

Mineracqua sostiene comunque che molti passi avanti sono stati fatti per ridurre l'impatto ambientale delle bottiglie Pet che contengono l'acqua, con un riclico di 140 milioni di tonnellate, auspicando un aumento della raccolta differenziata.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below