A Seattle in 50.000 per il Dalai Lama

domenica 13 aprile 2008 11:03
 

SEATTLE (Reuters) - Decine di migliaia di persone hanno affollato ieri lo stadio di Seattle per ascoltare il Dalai Lama, il leader spirituale in esilio del Tibet, che ha fatto appello alla non violenza e ha chiesto di rendere il 21esimo secolo un "secolo di dialogo".

Al suono dei tamburi, i capi indiani americani hanno ballato e gli organizzatori hanno detto che circa 51.000 persone -- per la maggior parte famiglie -- hanno ascoltato sotto il sole il Dalai Lama parlare di compassione.

Seduto su una sedia rossa, il Dalai Lama non ha fatto accenno alle recenti rivolte in Tibet né ha suggerito che i leader mondiali dovrebbero boicottare la cerimonia di apertura dei Giochi olimpici di Pechino.

Già venerdì scorso, il Dalai ha detto di non appoggiare il boicottaggio delle olimpiadi e ha respinto le accuse cinesi secondo cui sarebbe lui la mente delle rivolte che hanno infiammato il Tibet il mese scorso.

Ieri, l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua ha scritto che nove monaci buddisti sono stati arrestati perché sospettati di un attentato dinamitardo ai danni di un edificio del governo in Tibet.

Nel suo discorso di 45 minuti, ieri il Dalai Lama ha fatto appello per l'eliminazione delle armi nucleari e ha parlato del ruolo delle donne nella compassione.

 
<p>Il Dalai Lama ieri a Seattle. REUTERS/Marcus R. Donner</p>