Tennis, Starace e Bracciali sospesi per scommesse su incontri

sabato 22 dicembre 2007 11:53
 

MILANO (Reuters) - I due tennisti italiani Potito Starace e Daniele Bracciali sono stati squalificati dalla commissione anti-corruzione dell'Atp per aver scommesso su alcuni incontri di tennis.

Lo rende noto oggi la Federazione italiana tennis sul suo sito, precisando che il giudice ha deciso di accettare la proposta di patteggiamento presentata dagli avvocati dei due azzurri.

Starace, numero uno italiano e 31esimo nella classifica Atp, è stato sospeso per sei settimane ed è stato multato per 30.000 euro per aver fatto cinque scommesse per un totale di circa 90 euro due anni fa, spiega la Fit. Potrà riprendere a giocare a metà febbraio.

Bracciali, testa di serie 258, è stato sospeso per tre mesi e multato per 20.000 euro per circa 50 scommesso da cinque euro ciascuna.

Le sospensioni -- attive dal prossimo primo gennaio -- arrivano dopo che Alessio Di Mauro è stato squalificato per nove mesi a novembre.

La Fit sostiene che ai tre italiani siano state inflitte "pene assolutamente, spropositatamente severe rispetto all'entità delle violazioni commesse".

"Ingiustizia è stata fatta", scrive la Fit.

Starace sul sito spiega di aver deciso di patteggiare "perché con questa spada di Damocle sulla testa non avrei certo potuto giocare bene negli Open d'Australia".

"Invece così rientrerò a febbraio con la voglia di spaccare il mondo. Però adesso voglio vedere che cosa faranno agli altri indagati. Voglio che paghino tutti con la stessa pesantezza che hanno riservato a noi italiani", ha aggiunto. "E' uno schifo. Ci hanno massacrati senza che questo risolva il problema vero, le partite vendute. Ci hanno dato pene pazzesche se penso a quelle che in passato hanno dato a chi faceva uso di doping".

 
<p>Il tennista Potito Starace durante una partita. REUTERS/Alexander Demianchuk</p>