Vaccino senza ago potrebbe fermare la vendetta di Montezuma

giovedì 12 giugno 2008 11:52
 

WASHINGTON (Reuters) - Un vaccino senza ago sperimentale ha protetto oltre il 70% dei visitatori di Messico e Guatemala dalla diarrea del viaggiatore, una sindrome conosciuta anche come la vendetta di Montezuma.

Lo hanno riferito alcuni ricercatori, spiegando sulla rivista Lancet che il vaccino sperimentale di Iomai a cerotto previene la patologia grave.

"Penso che sia uno degli sviluppi più eccitanti nella medicina da viaggio", ha detto il dottor Herbert DuPont dell'Università del Texas a Houston, che ha contribuito a testare il vaccino.

"La gente può comprarlo e applicarlo quando fa un viaggio. E' la forma più conveniente di immunizzazione che abbia mai visto", ha spiegato DuPont in una intervista telefonica.

Il vaccino protegge contro il batterio Escherichia coli e specificamente per un ceppo conosciuto come Enterotoxigenic E. coli o Etec, che è la principale causa di diarrea nei viaggiatori di alcune zone, provocando quattro o cinque giorni di indisposizione con nausea e crampi.

Il team di Iomai, insieme al team indipendente di DuPont e a un gruppo della Johns Hopkins University di Baltimora, ha testato il cerotto in un esame di Fase II su sicurezza ed efficacia e ha lavorato sui dati di 170 adulti in viaggio in Guatemala e Messico, tra le zone più colpite dal batterio.

Durante e dopo il viaggio, il 15% dei pazienti con il vaccino ha sviluppato diarrea di vario tipo, e solo il 5% quella associata all'Etec, contro il 22% dei viaggiatori con placebo, il 10% dei quali con la diarrea Etec.

L'11% dei viaggiatori con il placebo hanno avuto diarrea grave, rispetto al 2% di quelli col cerotto.

"Sembra che prevenga oltre il 70% degli episodi di diarrea del viaggiatore moderata o grave", ha detto DuPont. "Questo vaccino è tra i migliori che abbiamo per questo tipo di malattia".

 
<p>Foto d'archivio di una vaccinazione. REUTERS/Dylan Martinez</p>