Uragano Ike: sale bilancio vittime Texas, allarme sanitario

mercoledì 17 settembre 2008 09:53
 

GALVESTON, Texas (Reuters) - E' salito a 30 il bilancio delle vittime in Texas per il passaggio dell'uragano Ike mentre le autorità a Galveston hanno lanciato l'allarme per i crescenti rischi sanitari nella città colpita direttamente dalla tempesta.

Onde spaventose e venti fortissimi causati da Ike hanno danneggiato diverse piattaforme petrolifere off-shore nel Golfo del Messico, segno che la piena ripresa della produzione di petrolio e gas naturale nella regione potrebbe essere ritardata. Ci sono stati danni anche ad alcune raffinerie, ma non tanti quanto si temeva.

Il presidente George W.Bush ha controllato i danni dall'aereo e ha promesso aiuti federali ai milioni di persone che vivono attorno al centro petrolifero di Houston e che affrontano il loro quarto giorno senza elettricità e senza acqua potabile.

La tv locale Ktrk ha detto che le autorità hanno parlato di 20 morti nelle contee di Galveston e Brazoria dove Ike ha colpito sabato scorso. In precedenza erano stati confermati cinque morti a Galveston, una città di 60.000 abitanti rimasti senza gabinetti funzionanti e senza acqua corrente dopo essere stati investiti dalla tempesta.

Nella contea di Harris, che comprende la grande Houston, le autorità sanitarie hanno confermato 10 morti per cause legate alla tempesta. I mezzi di informazione Usa hanno riferito di decine di morti, molti dei quali in Ohio, quando Ike si è spostato all'interno del paese.

 
<p>Pali della corrente elettrica divelti dall'uragano Ike nei pressi di una raffineria, a Pasadena, Texas, il 15 settembre 2008. REUTERS/Jessica Rinaldi (Usa)</p>