Società telefoni tronca intercettazione Fbi per conto non pagato

giovedì 10 gennaio 2008 21:25
 

di Randall Mikkelsen

WASHINGTON (Reuters) - Una società telefonica ha tolto la linea a una intercettazione internazionale dell'Fbi perché non aveva pagato in tempo il conto. E' quanto risulta da un controllo del governo statunitense reso noto oggi.

L'ispettorato generale del Dipartimento della Giustizia ha accusato l'Fbi di cattiva gestione del denaro utilizzato nelle inchieste segrete, dicendo che ciò ha reso l'Agenzia vulnerabile a furti e conti gestiti in modo inefficiente.

L'ispettorato cita il caso in cui una intercettazione effettuata in base al Foreign Intelligence Surveillance Act, che presiede allo spionaggio elettronico in casi di terrorismo e servi segreti, è andata in malora a causa di una bolletta.

"Ai gestori di telecomunicazioni sono risultati pagamenti in ritardo, così sono state disconnesse le linee telefoniche allestite per dare risultati nella sorveglianza all'Fbi...".

Cynthia Schnedar, portavoce dell'Ispettorato generale, ha detto di non poter fornire altri dettagli sulle intercettazioni interrotte, precisando che gran parte del rapporto contiene informazioni sensibili per le forze dell'ordine e non è stata resa pubblica.

 
<p>Immagine d'archivio di un tecnico che controlla delle linee telefoniche. KK/JD</p>