Spielberg accusato aver plagiato "La finestra sul cortile"

martedì 9 settembre 2008 10:58
 

NEW YORK (Reuters) - Steven Spielberg e alcuni studios di Hollywood sono accusati di aver plagiato la trama de "La finestra sul cortile", grande classico girato da Alfred Hitchcock nel 1954, per realizzare "Disturbia", uscito nel 2007.

Le accuse contro il regista, la Dreamworks, la società madre Viacom e la Universal Pictures -- unità della Nbc Universal di General Electric -- sono di violazione del copyright e di inadempimento contrattuale, per aver realizzato il film senza prima averne acquisito i diritti dai detentori.

La causa è stata intentata dallo Sheldon Abend Revocable Trust presso una corte federale di Manhattan.

Il film del 1954 -- sostengono i dirigenti -- si basava su "Murder from a Fixed Viewpoint", un racconto breve di Cornell Woolrich, del quale nel 1953 Hitchcock e James Stewart acquisirono i diritti.

Secondo l'accusa, la Dreamworks avrebbe dovuto fare lo stesso prima di realizzare il film diretto da D.J. Caruso e interpretato da Shia LaBeouf, Sarah Roemer e Carrie-Anne Moss, che ha incassato 80 milioni di dollari al botteghino americano.

"Quello che gli accusati non hanno voluto fare apertamente, legittimamente e legalmente, l'hanno fatto di nascosto... senza pagare alcun corrispettivo", si legge nei documenti della corte.

Il portavoce di Spielberg ha preferito non commentare. Non è stato possibile raggiungere rappresentanti di Viacom and NBC Universal.

Secondo l'accusa, "Disturbia" e "Rear Window" sono "praticamente uguali". Entrambi raccontano di un uomo che intuisce un omicidio dopo aver assistito a strani movimenti nella casa del suo vicino spiando dalla finestra.

 
<p>Il regista Stephen Spielberg. REUTERS/Keith Bedford (Usa)</p>