Il Grand Canyon tre volte più vecchio di quanto si pensava

venerdì 7 marzo 2008 10:59
 

WASHINGTON (Reuters) - Il Grand Canyon, modellato lentamente attraverso millenni dall'erosione dell'acqua di un fiume, ha iniziato a formarsi 17 milioni di anni fa, ed è quindi tre volte più vecchio di quanto si pensasse in precedenza, secondo la nuova scoperta di alcuni scienziati.

I geologi erano generalmente concordi nel datare l'inizio della formazione del celebre simbolo paesaggistico dell'Arizona a 6 milioni di anni fa .

Ma ora un team della University of New Mexico ha scoperto che la gola è molto più vecchia grazie a una tecnica che ha impiegato gli isotopi di uranio per datare i depositi minerari di nove caverne in diversi punti tra le pareti del canyon.

La gola è lunga 446 km, scende 1,8 km nel punto più profondo ed è larga fino a 29 km. Il fiume Colorado che ci passa attraverso sgorga dalle Montagne Rocciose del Colorado e scorre a sudest per circa 2.250 km fino al Golfo della California.

Gli scienziati hanno scoperto che c'è una sorta di doppia storia del canyon: la parte occidentale ha iniziato a formarsi 17 milioni di anni fa, quando l'acqua di un fiume antecedente al Colorado ha dato inizio all'inesorabile processo di erosione della roccia, mentre la parte orientale ha iniziato a formarsi intorno a 6 milioni di anni fa.

"In sostanza, si è formato in due parti", ha spiegato Caro Hill, geologa della University of New Mexico. "Il Grand Canyon più vecchio si è formato e poi si è collegato al canyon orientale una volta che il fiume Colorado ha iniziato a scorrere".

La scoperta è stata pubblicata sul giornale Science.

 
<p>Il Grand Canyon in una foto del 3 gennaio 2008. REUTERS/Rickey Rogers/Files</p>