Cina, dopo il capodanno crisi e tempo cominciano a migliorare

giovedì 7 febbraio 2008 09:47
 

CHENZHOU, Cina (Reuters) - Lo scoppiare dei petardi ieri ha accolto l'anno del Topo in Cina, ma milioni di persone hanno passato le vacanze al freddo mentre le squadre di riparazione cercavano di riportare la corrente fatta saltare dal peggior inverno dell'ultimo secolo.

I leader cinesi hanno trascorso le vacanze del nuovo anno lunare in alcune delle parti della Cina centromeridionale maggiormente colpite partecipando ai disagi degli abitanti e incoraggiando i soccorritori.

Il premier Wen Jiabao è stato nelle province di Jiangxi e Guizhou durante il terzo tour delle aree colpite in nove giorni, visitando una città che è senza corrente da tre settimane.

Oltre che mobilitare più di un milione di soldati per combattere la neve e il ghiaccio, lo stato ha messo in moto la macchina della propaganda per sollevare gli animi nel giorno più importante del calendario.

"Quando i disastri accadono, l'aiuto arriva da tutti i fronti, e questo indica la superiorità del socialismo cinese", ha detto Wen secondo quanto diffuso dall'agenzia di stato Xinhua.

A Chenzhou, la città più colpita della provincia centrale dell'Hunan, la corrente sta gradualmente tornando dopo 11 giorni.

Circa 1000 tralicci dell'elettricità sono caduti sotto il peso del ghiaccio e della neve, distruggendo gran parte della rete elettrica locale.

 
<p>Un nuotatore invernale si tuffa in un lago ghiacciato nella provincia cinese di Heilongjiang per festeggiare l'"Anno del Topo", il capodanno cinese. REUTERS/China Daily (CHINA) CHINA OUT</p>