Vino, produzione mondiale in calo secondo ente internazionale

mercoledì 26 marzo 2008 17:15
 

PARIGI (Reuters) - La produzione mondiale di vino è in calo perchè i consumatori abituali sono preoccupati per la loro salute e perché le viti vengono distrutte, sia deliberatamente che per siccità, secondo quanto ha detto oggi un ente del settore.

L'Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (Oiv) ha detto che circa 266,7 milioni di ettolitri di vino sono stati prodotti nel 2007, il 6,9% in meno che nell'anno precedente, mentre il consumo è rimasto immutato a 240,6 milioni di ettolitri.

Alla produzione vinicola nel 2007 sono stati dedicati circa 7,899 milioni di ettari di terreno contro i 7,908 milioni dell'anno precedente.

Il più netto calo di produzione si è registrato in Europa, dove la Commissione Europea vuole imporre forti cambiamenti nelle politiche vinicole - ad esempio incentivi ai produttori per sradicare le viti - per prosciugare i fiumi di vino in eccesso prodotti dagli stati membri.

I cinque maggiori esportatori di vino europei - Germania, Francia, Italia, Portogallo e Spagna - hanno visto la loro quota nel commercio mondiale assottigliarsi dal 78,8% alla fine degli anni '80 al 61,8% del 2007.

Il segretario generale dell'organizzazione Federico Castellucci ha detto in una conferenza stampa che il calo al consumo potrebbe causare problemi ai produttori di vino nei paesi dove la domanda interna rafforza la produzione, come l'Italia.

La quota nel commercio vinicolo mondiale dei paesi dell'emisfero meridionale - Argentina, Cile, Sud Africa, Australia e Nuova Zelanda - è balzata al 28% del 2007 dal 3,1% del periodo 1986-1990.

I cosiddetti paesi del "nuovo mondo del vino" consumano anche maggiori quantità di vino, mentre il consumo di 26,5 milioni di ettolitri negli Usa l'anno scorso ha facilmente superato i 20 milioni prodotti.

"Accettiamo volentieri i nuovi paesi produttori ma abbiamo soprattutto bisogno di nuovi paesi consumatori", ha detto Castellucci.

 
<p>Un bicchiere di vino REUTERS/John Kolesidis</p>