Il "bello riunito in uno scrigno": apre a Roma salone del lusso

mercoledì 6 febbraio 2008 16:21
 

MILANO (Reuters) - Fiat 500 di platino e madreperla, cappelli e calzature realizzati su misura, arredi-scultura e gioielli indossati da Sofia Loren sono solo alcune delle creazioni protagoniste della terza edizione di "Scrigno tesori d'Italia - Il bello riunito in uno Scrigno", il salone del lusso che accoglierà il pubblico a Roma nello Spazio Etoile di Palazzo Ruspoli dall'8 al 10 febbraio prossimi.

Luigi Michielon e Carlo d'Amelio hanno riunito le creazioni di settanta aziende italiane specializzate nei prodotti esclusivi di alta o altissima fascia, pezzi unici o in serie limitata, a rappresentare il meglio della creatività artigianale "made in Italy" nei settori della moda, del gioiello, dell'orologeria, dell'arte profumiera, dei complementi, dell'arredo e via via sino alla creazione degli strumenti musicali personalizzati.

I cultori del bello e dell'unico potranno stupirsi davanti alla Fiat 500 più cara al mondo verniciata di platino, con gli interni in cachemire e le finiture in madreperla, godersi i gioielli di Diego Percossi Papi indossati anche da Jacqueline Bisset, Sophia Loren, Isabelle Huppert e Bridget Fonda. Ma anche ammirare le "strutture praticabili" di Giuseppe Rivadossi, arredi-scultura destinati a connotare con la loro perfetta essenzialità gli spazi domestici, dare un'occhiata ai vestiti di artigiani che vestono o calzano su misura come Vivian Saskia con le sue classiche scarpe, o Memar, creatore di cappelli eleganti per donna in paglia finissima di Firenze, fino alle creazioni per la casa di Italo Varisco, incisore che lavora con cristallo e vetro secondo l'antica tradizione imparata a Murano.

La mostra sarà aperta al pubblico venerdì 8 e sabato 9 febbraio dalle 11 alle 21 e domenica 10 febbraio dalle 11 alle 20. Il biglietto d'ingresso costa 10 euro intero, 7 euro ridotto.

 
<p>Un anello in mostra a Roma alla manifestazione "Scrigno, Tesori d'Italia" dall'8 al 10 febbraio allo Spazio Etoile di Palazzo Ruspoli. REUTERS</p>