Scienze,"Enciclopedia della vita" online conta già 30.000 specie

martedì 26 febbraio 2008 12:31
 

OSLO (Reuters) - Sono circa 30.000 le specie animali e vegetali catalogate nella versione iniziale della "Enciclopedia della Vita", progetto che secondo gli scienziati potrebbe aiutare a comprendere diversi temi, dall'invecchiamento umano alle malattie.

L'enciclopedia online, gratuita e accessibile all'indirizzo www.eol.org, punta ad archiviare 1,8 milioni di forme di vita nell'ambito di un progetto decennale da 100 milioni di euro partito nel 2007.

La prima versione, con 25 voci complete comprensive di testo, immagini e video e altre 30.000 un po' meno dettagliate, dovrebbe essere lanciata a una conferenza a Monterey mercoledì.

"Il messaggio che lanciamo al mondo è: 'Ecco il nostro primo tentativo di stilare l'enciclopedia, per favore fateci sapere che ne pensate, le vostre critiche e i vostri commenti' ", ha detto a Reuters James Edwards, direttore esecutivo del progetto.

Edward Wilson, biologo di Harvard il cui appello per un "ritratto della vita" durante un discorso del 2003 ha accelerato la creazione dell'enciclopedia, ha commentato: "Questa cosa sta decollando come un razzo... Sta già galvanizzando la ricerca".

L'enciclopedia è stata paragonata ad un "macroscopio", visto che aiuta ad identificare modelli "generali" spesso importanti per gli scienziati che lavorano a campi più ristretti e specifici.

Per esempio un paese in via di sviluppo che si trovasse ad affrontare una nuova malattia trasmessa dalle mosche o un'invasione di coleotteri che mangiano grano potrà consultare l'enciclopedia per scoprire abitudini alimentari e riproduttive degli insetti e cercare di fermarli.

"Spero che entro un anno inizieranno a circolare documenti che non avrebbero potuto essere scritti senza l'Enciclopedia", ha auspicato Jesse Ausubel, presidente del progetto alla Rockefeller University di New York.

Il progetto è guidato dall'americano Field Museum, dalla Harvard University, il Marine Biological Laboratory, il Missouri Botanical Garden, lo Smithsonian Institution e la Biodiversity Heritage Library, che comprende il Natural History Museum di Londra, il Botanical Garden di New York e il Royal Botanic Garden di Kew, in Gran Bretagna.

 
<p>Utenti navigano su Internet. REUTERS/Paulo Whitaker</p>