Tra cellulari e ascelle, le peggiori 10 gaffe ai colloqui lavoro

giovedì 13 marzo 2008 17:56
 

NEW YORK (Reuters) - Che dire di quel tale che durante il colloquio di lavoro si è pettinato? O di quell'altro che mentre entrava nell'ufficio si è annusato le ascelle?

Possono sembrare assurde, invece sono solo due delle dieci gaffe più clamorose raccolte nell'annuale ricerca sugli errori commessi durante i colloqui di lavoro compilata dal sito di job online CareerBuilder.com.

L'elenco, basato su un sondaggio effettato tra 3.061 professionisti americani di recruiting e risorse umane dalla società di ricerca Harris Interactive, conta tra i peggiori:

- Il candidato che durante il colloquio ha risposto al telefono e ha chiesto al selezionatore di lasciare per un po' l'ufficio perchè si trattava di una conversazione "privata".

- Il candidato che ha detto al selezionatore che non avrebbe potuto lavorare per molto perchè pensava che avrebbe ricevuto l'eredità di suo zio quando fosse morto - e al momento lo zio in questione "non stava benissimo".

- Quello che ha chiesto al selezionatore un passaggio a casa dopo il colloquio.

- L'uomo che si è annusato le ascelle mentre entrava nell'ufficio del selezionatore.

- La candidata che ha detto che non poteva fornire nessuna prova di scrittura perchè tutto quello che aveva scritto fino a quel momento era per la Cia e non poteva essere divulgato.

- Il candidato che ha raccontato di essere stato licenziato dal precedente lavoro per aver picchiato il capo.   Continua...