Carla Bruni si scusa per paragone giornalisti-collaborazionisti

mercoledì 13 febbraio 2008 14:24
 

PARIGI (Reuters) - Carla Bruni, nuova moglie del presidente francese Nicolas Sarkozy, si è scusata oggi per aver paragonato i metodi usati da un giornale francese a quelli dei collaborazionisti nazisti durante la seconda guerra mondiale.

Nella sua prima intervista dopo il matrimonio l'ex modella aveva preso di mira il sito del giornale Nouvel Observateur, con tendenze di sinistra, che aveva scritto che il presidente voleva tornare con la sua ex moglie.

"Se questo tipo di siti fossero esistiti durante la guerra, mi chiedo se avrebbero denunciato gli ebrei", aveva detto Carla in un'intervista alla rivista L'Express pubblicata oggi.

Nouvel Observateur aveva scritto che l'osservazione era "abbastanza sorprendente e patetica", e Carla aveva immediatamente cercato di calmare le acque.

"Se ho offeso qualcuno, ne sono davvero dolente", ha scritto la cantautrice in una dichiarazione pubblicata sul sito de L'Express (here).

"Volevo solo dire quanto scorretti giudico questi attacchi personali che disonorano il giornalismo", ha aggiunto.

Il Nouvel Observateur aveva scritto che Sarkozy aveva mandato un sms alla sua ex moglie Cecilia otto giorni prima del matrimonio con Carla promettendole di annullare tutto se lei fosse tornata.

 
<p>Il presidente francese Nicolas Sarkozy con la moglie Carla Bruni. REUTERS/Antoine Gyori</p>