Los Angeles, contro obesità allo studio moratoria per fast food

mercoledì 23 luglio 2008 12:45
 

LOS ANGELES (Reuters) - Una moratoria contro l'apertura di nuovi fast food: il provvedimento, pensato per combattere l'obesità, potrebbe presto diventare realtà in una delle aree più povere di Los Angeles.

Un comitato di pianificazione del consiglio comunale ha infatti approvato all'unanimità un provvedimento che vieta l'apertura di nuovi esercizi per un anno in un'area urbana di 82 kmq.

La misura dovrà ora essere approvata dal consiglio il mese prossimo. Se passerà, interesserà circa mezzo milione di persone che vivono in un area in cui, secondo i promotori, ci sono già 400 fast food a fronte di pochissimi negozi di alimentari.

Secondo un rapporto dell'anno scorso, il tasso di obesità dei bambini che vivono nei quartieri South Los Angeles, West Adams, Baldwin Hills e Leimert Park si aggira intorno al 30%, contro il 21% del resto della città.

Contrario alla misura il settore della ristorazione, che denuncia una colpevolizzazione eccessiva.

Il provvedimento è solo l'ultimo in ordine di tempo per promuovere un'alimentazione sana e obbligare il settore ad adottare standard alimentari più salutari: in California dal 2003 è vietata la vendita di bibite zuccherate nelle scuole elementari e medie, mentre a New York una nuova legge impone ai fast food di riportare sul menù l'apporto calorico accanto al prezzo.

 
<p>Insegne Kfc e McDonald a Los Angeles. REUTERS/Lucy Nicholson (Usa)</p>