Morto Ike Turner,pioniere del rock'n'roll ed ex marito di Tina

giovedì 13 dicembre 2007 12:59
 

LOS ANGELES (Reuters) - Il pioniere del rock'n'roll Ike Turner, il cui prestigio come uno dei padri fondatori del genere è stato messo in ombra dalle accuse dell'ex moglie Tina Turner di averla regolarmente picchiata per vent'anni, è morto ieri nella sua casa di San Diego all'età di 76 anni.

Le cause della sua morte non sono ancora note, secondo quanto ha dichiarato il suo manager Scott Hanover.

Dopo anni di silenzio, Turner aveva intenzione di tornare sulle scene. Ha vinto il suo primo Grammy in 35 anni lo scorso febbraio per un acclamato album blues e ha collaborato in alcuni progetti musicali col produttore Danger Mouse, un componente del duo pop-soul Gnarls Barkley.

L'ex dj ha secondo alcuni inventato il rock'n'roll con la sua canzone del 1951 "Rocket 88" e avuto moltissima fama negli anni '60 e '70 come leader di Ike and Tina Turner, uno spettacolo di R&B che stupì il pubblico con performance elettriche di alcune canzoni come "Proud Mary" e "River Deep Moutain High."

Ma Ike Turner è stato anche un uomo violento, secondo la ex moglie e altri tra cui il chitarrista dei Rolling Stones, Keith Richards.

Le memorie di Tina Turner, "I, Tina" e un biopic del 1993 "What's Love Got to Do With It" hanno trasformato Ike Turner in uno dei più tristemente noti "cattivi" del mondo della musica.

La cantante ha detto che l'ex marito l'ha regolarmente maltrattata per 16 anni e l'ha indotta a tentare il suicidio nel 1968.

Un portavoce di Tine Turner ha commentato "Tina sa della morte di Ike. Non ha contatti con lui da 30 anni".

Izear Luster Turner era nato nel 1931 a Clarksdale, Mississippi, dove era forte la tradizione blues, e da ragazzo aveva imparato a suonare il piano e faceva il dj per una radio locale. La sua prima band è dei tempi delle superiori.

Come chitarrista e pianista ha suonato con B.B. King, Howlin' Wolf, Muddy Waters e Willie Dixon negli anni '50.

 
<p>Ike Turner al ritiro del Grammy nel febbraio 2007. REUTERS/Mike Blake/Files (UNITED STATES)</p>