Social network, i bambini che li usano ignorano regole sicurezza

mercoledì 2 aprile 2008 11:52
 

LONDRA (Reuters) - Milioni di bambini che frequentano i siti di social network si espongono a rischi inutili lasciando i propri dettagli personali visibili a tutti.

A lanciare l'allarme oggi Ofcom, il garante britannico delle comunicazioni, che ha pubblicato uno studio secondo cui il 40% dei bambini impostano come "libero" l'accesso ai loro dettagli personali - ad esempio numeri di cellulare e indirizzi mail - nonostante tutti gli avvertimenti sulla pericolosità di simili comportamenti.

Lo studio rivela che molti aggirano facilmente le restrizioni di età imposte da siti come Bebo, MySpace e Facebook per pubblicare un profilo, e che metà dei bambini e un quarto di quelli tra gli 8 e gli 11 anni sono registrati su siti di social network.

Secondo il direttore Market Research di Ofcom James Thickett i genitori dovrebbero controllare i profili dei loro figli.

"E' consigliabile che l'accesso al profilo dei bambini sia ristretto alle persone conosciute", ha detto Thickett a BBC radio.

"Il problema è che manca la consapevolezza dei rischi, soprattutto tra i bambini", ha detto, spiegando che tra i pericoli c'è il rischio bullismo e quello di essere approcciati da sconosciuti.

Ma ha aggiunto che i social network offrono anche dei benefici, quando vengono prese le precauzioni necessarie.

"I bambini frequentano i social network anziché guardare la tv o giocare con i videogame. Per alcuni bambini (i siti) sono veri costruttori di autostima", ha spiegato.

"Permettono ai bambini di adottare un ruolo che potrebbero essere troppo timidi per adottare in pubblico".

 
<p>Un bambinio al computer. REUTERS/Jagadeesh Nv</p>