Tabacco, Oms vuole divieto totale pubblicità e sponsorizzazioni

venerdì 30 maggio 2008 14:57
 

GINEVRA (Reuters) - L'Organizzazione mondiale per la sanità ha chiesto oggi di vietare tutte le pubblicità, le promozioni e le sponsorizzazioni che fanno riferimento al tabacco per evitare che i ragazzini comincino a fumare.

In una nota diffusa alla vigilia del World No Tobacco Day, l'Oms ha denunciato che i giovanissimi vengono irretiti dalle sofisticate tecniche di marketing dei colossi del tabacco che si affidano a riviste, film, Web, concerti ed eventi sportivi.

"Più i giovani sono esposti alle pubblicità del tabacco, più facilmente inizieranno a fumare", dice l'Oms, accusando i produttori di "associare ingannevolmente l'uso del tabacco a qualità come glamour, energia e sex appeal".

Molti fumatori cominciano prima dei 18 anni, e quasi un quarto di quelli nuovi ne hanno meno di 10, secondo l'Oms.

Douglas Bettcher, a capo della Tobacco Free Initiative, ha detto che il divieto è necessario per assicurare che i giovani siano protetti dai messaggi pericolosi, in particolare nei paesi più poveri dove spesso sono rivolti alle giovani.

"Non bastano mezze misure", dice l'Oms. "Quando una forma di pubblicità viene vietata, l'industria del tabacco semplicemente indirizza le sue risorse su un altro canale. Chiediamo ai governi di imporre un divieto completo per distruggere la rete di marketing del tabacco".

 
<p>Un uomo fuma una sigaretta di fronte a un pannello al neon a Londra. REUTERS/Luke MacGregor (Gran Bretagna)</p>