New York, tassisti sul piede di guerra: auto ibride "non sicure"

mercoledì 10 settembre 2008 11:39
 

NEW YORK (Reuters) - Il progetto che prevede che entro il 2012 l'intero parco taxi di New York sia composto da auto ecologiche non piace ai diretti interessati: un gruppo di tassisti della Grande Mela ha fatto causa alla città sostenendo che non è sicuro ed è incostituzionale.

Promosso come un modello ambientale per le altre metropoli, il piano prevede che ogni nuovo taxi faccia almeno 12,8 km con 1 litro, obiettivo che al momento è soddisfatto solo da auto ibride e diesel ecologici.

Il Metropolitan Taxicab Board of Trade, associazione che rappresenta circa un quarto dei 13.000 tassisti newyorchesi, ha sporto denuncia presso la corte federale di Manhattan ieri chiedendo un'ingiunzione che fermi il progetto perché -- obietta -- solo il governo federale ha il potere di decidere i livelli delle emissioni e gli standard di efficienza, e non le autorità cittadine.

Inoltre, le macchine ibride "non sono mai state testate in modo massiccio e non hanno dato prova di particolare sicurezza o efficienza come veicoli commerciali", si legge nei documenti.

Il commissario ai Taxi e alle Limousine Matthew Daus ha risposto con una nota in cui dice che il progetto andrà avanti perché "è un'iniziativa responsabile".

 
<p>Taxi in una via di New York. REUTERS/Lucas Jackson (Usa)</p>