Marea nera, Bp dà inizio ad operazione "top kill"

mercoledì 26 maggio 2010 22:22
 

HOUSTON/WASHINGTON (Reuters) - Bp ha dato inizio oggi ad un'ambiziosa operazione subacquea per bloccare la fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico, ma il presidente Barack Obama ha messo in chiaro che non ci sono garanzie che funzioni.

Bp è sotto forte pressione da parte di Obama, il quale chiede che la perdita -- che si protrae da cinque settimane minacciando una catastrofe ambientale e ha scatenato una tempesta politica -- sia fermata in tempi brevi.

La cosiddetta procedura "top kill", mai sperimentata prima a tali profondità, consiste nell'iniezione di fluidi pesanti nel pozzo danneggiato e nella sua cementatura finale.

Obama ha detto che, se avrà successo, il piano dovrebbe ridurre di molto o addirittura azzerare la perdita di centinaia di migliaia di litri di greggio che si riversano ogni giorno nelle acque del Golfo.

"Non ci fermeremo a riposare finché la falla non sarà tappata, l'ambiente ristabilito e le operazioni di pulitura completate", ha detto Obama dalla California.

L'AD di Bp, Tony Hayward, ha detto al programma "Today" sulla Nbc che ci vorranno un giorno o due per capire se la procedura funziona.

La compagnia ha fatto sapere in una nota che l'operazione è iniziata oggi alle 13 (le 20 in Italia).

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia