Italia,sondaggio: 83% sente appartenenza,sale disagio malcostume

mercoledì 26 maggio 2010 14:56
 

ROMA (Reuters) - Più di 8 italiani su 10 sentono l'appartenenza nazionale, ma cresce soprattutto fra i giovani il disagio per una disonestà diffusa, come rivela un sondaggio.

"Dall'indagine emerge che ci si sente ancora per lo più italiani (83%), rispetto all'essere europei (67%), un elevato senso di appartenenza all'Italia quindi, seppur in calo rispetto agli ultimi anni (nel 2004 era dell'86%), un'italianità che è più sentita nell'elettorato di centrodestra, al Sud e presso gli anziani", si legge in un comunicato a proposito dell'indagine, condotta dall'Istituto Ispo Ricerche Renato Mannheimer.

"Tale senso di appartenenza però non sempre coincide con l'orgoglio di essere italiani, che negli ultimi anni è un po' meno sentito, soprattutto tra i giovani, che anzi esprimono una forma di disagio, citando politici e mentalità (malcostume, la disonestà e lo scarso senso civico), quali principali elementi di imbarazzo", ha commentato Mannheimer alla presentazione di un concorso fotografico a cui l'indagine è collegata.

Secondo l'indagine, solo per il 38% degli italiani nel Belpaese di vive bene, mentre 1 su 4 è convinto del contrario e il 36% ritiene che non si viva né bene né male.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Bambini con bandiere italiane in foto d'archivio. REUTERS/Mike Segar</p>