Facebook, AD: controllo privacy 'ha mancato il bersaglio'

lunedì 24 maggio 2010 19:20
 

SAN FRANCISCO (Reuters) - L'amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato che il sito di social networking lancerà un nuovo sistema di privacy per i suoi oltre 400 milioni di utenti, tra i crescenti timori che la società stia spingendo per rendere pubblici più dati personali degli utenti.

"Molti pensano che i nostri controlli siano troppo complessi", scrive Zuckerberg in un editoriale pubblicato oggi sul Washington Post.

"La nostra intenzione era darvi molti controlli minuziosi; ma ciò potrebbe non essere stato quello che molti di voi volevano. Abbiamo mancato il bersaglio", aggiunge il 26enne Zuckerberg, che ha co-fondato Facebook nella sua stanza di dormitorio a Harvard nel 2004.

Nelle prossime settimane, promette Zuckerberg, Facebook aggiungerà strumenti per il controllo della privacy che -- dice -- saranno molto più facili da usare.

Facebook darà anche agli utenti un modo facile per chiudere tutti i servizi di terze parti, aggiunge Zuckerberg.

Non è chiaro se come servizi di terze parti si riferisca ad applicazioni programmate per essere usate all'interno di Facebook, come i giochi da società tipo Zynga e Playfish di Electronic Arts, o a siti separati che hanno recentemente iniziato a incorporare dati di Facebook.

Il commento arriva poche settimane dopo che Facebook, il sito di social network più grande al mondo, ha presentato diverse modifiche al suo servizio -- che hanno sollevato feroci critiche dai sostenitori della privacy -- e che ha portato alcuni utenti a cancellare il proprio account in segno di protesta.

Un servizio chiamato "instant personalization" automaticamente importa le informazioni personali di un profilo al sito di musica Pandora e al sito di critiche di utenti Yelp.

Zuckerberg aggiunge che Facebook sarà sempre un servizio gratuito per tutti.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Mark Zuckerberg, fondatore e AD di Facebook. REUTERS/Kimberly White (UNITED STATES)</p>