Vuoi imparare nuova lingua? Scrittore suggerisce il "globish"

domenica 23 maggio 2010 16:12
 

NEW YORK (Reuters) - Dal "Yes We Can" di Barack Obama agli innumerevoli cinesi che mandano sms in inlgese, il "globish" si sta velocemente affermando come lingua dominante del nostro secolo.

Così sostiene lo scrittore britannico Robert McCrum nel suo libro "Globish: How the English Language Became the World's Language", che esplora l'idioma prodotto dalla contaminazione tra inglese e altre lingue e che permette alle persone di comunicare da Pechino a New York.

McCrum ha preso in prestito il termine da Jean-Paul Nerriere, che l'ha coniato nel 1995 e ha scritto diversi libri sulla nuova forma di inglese, che conta circa 1.500 parole, impiega frasi brevi con sintassi semplice e senza espressioni idiomatiche e fa un ampio uso di gesti per compensare la mancanza di sfumature linguistiche.

"Nel 19esimo secolo c'era l'inglese britannico, che era internazionale; nel 20esimo la lingua franca è diventata l'inglese americano" , spiega McCrum a Reuters in un'intervista. "Ora c'è una terza fase nel 21esimo secolo, il secolo del globish".

In globish strano si dice "strange", non "eerie", e non esistono battute, humor ed espressioni ambigue che potrebbero essere fraintese.

McCrum spiega che gli imprenditori in cerca di opportunità in Paesi come Cina e India dovrebbero imparare il globish perché, per i madrelingua inglesi, non parlarlo è uno svantaggio.

Per capire il globish non serve guardare molto lontano, spiega McCrum: basta pensare a come il presidente americano Barack Obama è stato allevato e a come il linguaggio che usa trascenda i confini.

"E' l'esempio tipico: cresciuto (da una madre del) Kansas, ha vissuto alle Hawaii e in Indonesia e suo padre era kenyota. E quando parla... non c'è molta necessità di adattare (quello che dice) per renderlo comprensibile a tutti", spiega l'autore. "Il suo slogan 'Yes We Can' funziona in tutto il mondo".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una ragazza tra la bandiera britannica e quella inglese. REUTERS/Peter Macdiarmid PKM/ASA/JV</p>