Accanite bevitrici di caffé possono avere figli più piccoli

venerdì 21 maggio 2010 12:30
 

NEW YORK (Reuters) - Le donne incinte che bevono sei tazze di caffé al giorno potrebbero avere dei bambini più piccoli delle donne che non assumono caffeina.

Lo dice uno studio olandese condotto dai ricercatori dell'Erasmus Medical Center di Rotterdam su 7.300 donne olandesi, pubblicato dall'American Journal of Clinical Nutrition.

Le donne, che hanno dichiarato di consumare una quantità di caffeina equivalente a sei tazze di caffé al giorno durante tutta la gravidanza, hanno partorito dei figli leggermente più piccoli rispetto agli altri neonati.

"Il consumo di caffeina sembra avere conseguenze sulla crescita del feto dal primo trimestre in poi", ha detto a Reuters Rachael Bakker.

La ricerca si basa soltanto su 104 bambini nati da grandi consumatrici di caffé. Altri studi hanno trovato che anche un consumo più moderato di caffé -- due tazze -- aumenta il rischio che il bambino sia di dimensioni inferiori alla norma ma, d'altra parte, non c'è unanimità sul tema da parte della comunità scientifica internazionale, che ha studiato anche la correlazione tra uso di caffeina e aborti spontanei, non arrivando però a conclusioni condivise.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Caff&eacute; in foto d'archivio. REUTERS/Yuriko Nakao</p>